Anarchia a Napoli: bambino guida un motoscafo, gommone semina il panico in mare. I video su TikTok

Anarchia a Napoli: bambino guida un motoscafo, gommone semina il panico in mare. I video su TikTok

Napoli è anarchia in mare nel Golfo. Dopo l'episodio di Castellammare di Stabia di alcuni giorni fa, su TikTok spunta un altro video di un bambino alla guida di un motoscafo, e anche un altro filmato, sempre su TikTok, in cui si vede un motoscafo che scatena il panico a Marechiaro. I video sono stati segnalati sul web al consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrellila cui denuncia aveva già fatto scattare un'inchiesta della Capitaneria di Porto per la vicenda di Castellammare di Stabia, e lo stesso Borrelli ha postato i due video sulla sua pagina Facebook.

«Come per l'altro episodio, anche su questo occorre intervenire ed identificare chi abbia messo quel minore alla guida dell'imbarcazione - scrive Borrelli - Non sappiamo se si tratti di emulazione, di provocazione (come ci hanno riferito alcuni utenti, ci sono dei commenti al video che fanno riferimento alle nostre precedenti denunce), quel che certo è che abbiamo a che fare con adulti irresponsabili dalla cui inadeguatezza educativa vanno salvati i bambini. Questi ragazzini meritano di vivere in ambienti migliori dove gli vengano impartiti i valori di responsabilità, educazione e rispetto delle regole. Se i genitori sono incapaci di trasmettere ciò ai loro figli, allora devono scendere in campo le istituzioni attraverso l'assistenza sociale, la scuola e progetti educativi».

Il gommone che semina il panico a Marechiaro

Intanto, spunta un altro video che immortala stavolta un gommone che semina il panico nelle acque di Marechiaro, a Napoli, nello specchio d'acqua di Posillipo. A segnalare il caso sempre all'esponete di Europa Verde è stata, in questa circostanza, una cittadina. «A Marechiaro, precisamente a Villa imperiale, un gommone puntava a velocità sostenuta su natanti e canoe allo scopo di farle ribaltare. Alla fine ci sono riusciti», anche se per fortuna non ci sono stati feriti. «La guardia costiera, avvisata da più persone, ha affermato che non era in grado di raggiungerli in quanto il gommone in questione si avvicinava troppo alla costa e la barca della guardia costiera non poteva raggiungerli».

«Chiediamo alla Capitaneria di Porto che si faccia di tutto per individuare quesì balordi che potevano causare una tragedia e che dovranno essere puniti in modo esemplare. In questo periodo e durante tutta l'estate vogliamo che si intensifichino i controlli in mare da parte della Guardia Costiera per tenere sotto controllo il traffico delle imbarcazioni e soprattutto chi usa in modo sconsiderato le imbarcazioni», hanno commentato Borrelli e i consiglieri municipali di Europa Verde Lorenzo Pascucci e Gianni Caselli. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 3 Giugno 2022, 22:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA