Alessandra, la prima bambina nata da un utero trapiantato, dopo due mesi lascia l'ospedale. Il papà: «Grazie a chi ha permesso il miracolo»

Sua mamma Albina ha ricevuto l'utero di una donna fiorentina deceduta per arresto cardiaco. Un vero miracolo della scienza

Alessandra, la prima bambina nata da un utero trapiantato, dopo due mesi lascia l'ospedale. Il papà: «Grazie a chi ha permesso il miracolo»

di Redazione web

Un miracolo della scienza. La piccola Alessandra, tra pochi giorni compirà due mesi di vita, e potrà iniziare la sua vera vita a casa, insieme ai genitori Albina e Giovanni. Venuta alla luce il 30 agosto scorso, la neonata, ha un primato. E' nata dalla prima donna trapiantata di utero in Italia. Dimessa dall’Ospedale Cannizzaro di Catania, Alessandra a casa troverà peluche, palloncini e tanto amore, racconta La Sicilia. 

Colla sugli occhi e puntine da disegno in gola: così la bimba perseguitata dal vicino «alieno» attirava l'attenzione

Utero donato

«È un sogno che si realizza. Alessandra mangia, dorme, è una bimba tranquilla. Piange solo quando ha fame. E anche mia moglie sta bene ed è felice», racconta con emozione Giovanni Ferranti, il papà di 37 anni. Sua moglie, Albina Verderame, ha 31 anni, nel 2020 in piena pandemia, ha ricevuto in donazione un utero, espiantato da una donna fiorentina morta per arresto cardiaco. Dopo il trapianto, pochi mesi dopo, il miracolo di vita e scienza. E' nata Alessandra, rimasta ricoverata per alcune settimane nel reparto di neonatologia del Cannizzaro.

Orrore all'asilo nido, la maestra terrorizza i bambini con la maschera di Scream: in quattro a processo

 

Cure continue

Nata in condizioni di prematurità, la piccola, prima è stata monitorata in terapia intensiva, grazie alle terapie farmacologiche e all’assistenza respiratoria, in sub-intensiva. Infine controlli specialistiche pre e post-dimissioni. «Ci abbiamo creduto veramente che potesse accadere - ha confessato Giovanni - che mia moglie potesse dare alla luce un figlio...Il trapianto è stata una cosa forte e delicata. Noi ringraziamo e ringrazieremo sempre la famiglia della donatrice con cui siamo sempre in contatto telefonicamente».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Ottobre 2022, 14:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA