La piccola Cloe morì a 5 mesi, la sentenza choc: «Andava operata, nessun medico volle prendersi la responsabilità»

La piccola Cloe morì a 5 mesi, la sentenza choc: «Andava operata, nessun medico volle prendersi la responsabilità»

La piccola Cloe Grano cinque anni e mezzo fa, nell'aprile del 2014, morì all'ospedale Santobono di Napoli: la sua famiglia l'aveva portata a Cosenza, da dove era stata poi trasferita a Napoli dopo alcuni giorni di ricovero in cui le sue condizioni erano drasticamente peggiorate. Oggi è stata depositata la motivazione della sentenza che ha prosciolto uno dei medici dell'ospedale calabrese, accusato di falso per aver annotato nella cartella clinica della bimba l'avvenuta effettuazione di un esame ecografico di cui non è stata mai invece trovata traccia.

Leggi anche > Papà uccide il figlio di 11 mesi: lo ha gettato da un ponte, poi è andato al pub

IL GIALLO DELL'ECOGRAFIA Il giudice di Cosenza ha contestualmente disposto la trasmissione degli atti al pm affinché vagli la posizione di un altro medico che, secondo quanto emerso dal dibattimento, in realtà effettuò l'ecografia. Il sanitario, ricordano gli avvocati Nicodemo Gentile e Antonio Cozza che assistono i genitori della piccola nei procedimenti aperti a Cosenza, «sentito in sede di indagini del procedimento principale, aveva sempre negato di aver effettuato l'esame strumentale sulla piccola Cloe, ma, stando alla sentenza, viene clamorosamente smentito sia dalla collega imputata in questo processo, sia da due infermiere che sono state sentite dinanzi al giudice
».



Una di esse - è scritto nella decisione del giudice - dichiarò infatti che il dottore in questione
«eseguì l'ecoaddome», ma che «non essendo l'immagine molto chiara, si decise di condurre la piccola al piano di sotto per eseguire la TAC»; in tale sede il medico «avendo il radiologo scorto qualcosa che avrebbe astrattamente richiesto un possibile intervento chirurgico, invitava il collega a non annotare/refertare nulla», perché «la piccola versava in condizioni cliniche estremamente critiche e pertanto nessuno voleva assumersi la responsabilità di intervenire su di lei».

I LEGALI: PRIMO PASSO PER LA VERITÀ «È arrivata finalmente una decisione - affermano i legali - che, ci si auspica, costituirà il primo passo per arrivare alla verità sulla morte della piccola Cloe. Si sono acquisiti elementi fondamentali, di una gravità inaudita, che restituiscono non solo un quadro di malasanità, che apre a nuovi scenari ed a nuove condotte che impongono senz'altro rigorosi approfondimenti in ogni sede. È per questo che Dino Grano, che da anni sta combattendo la sua battaglia perché sia data giustizia a sua figlia, ha formalizzato esposti, anche in sede ministeriale, affinché siano chiarite definitivamente le responsabilità che hanno portato alla sua morte».

L'IRA DEL PADRE SU FACEBOOK Dino Grano, il papà della piccola Cloe, sul gruppo Facebook Giustizia per Cloe, continua la sua battaglia per sapere la verità su ciò che è capitato a sua figlia. «Ho solo una ragione, quella di farvi andare in galera - scriveva ieri - Chi si mette in mezzo ne pagherà le conseguenze». Il papà usa parole forti, parla di «omicidio volontario di una bambina che poteva essere figlia vostra. Facciamolo sapere a tutti che nel reparto di pediatria di Cosenza ci sono degli assassini».
Giovedì 12 Settembre 2019, 16:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA