Bambina di 17 mesi muore dopo quattro visite mediche: tosse e febbre non passavano. Indagati quattro pediatri

Torino, bambina di 17 mesi muore dopo quattro visite mediche: tosse e febbre non passavano. Indagati quattro pediatri

Una bambina valdostana di 17 mesi è morta lunedì 17 febbraio nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Regina Margherita di Torino. La piccola era stata trasportata nel nosocomio piemontese in condizioni gravissime dopo essere stata visitata ad Aosta. A seguito della denuncia dei familiari, il pm di Aosta Francesco Pizzato ha aperto un fascicolo inizialmente per lesioni colpose, per poi arrivare ad ipotizzare l'omicidio colposo, e ha messo sotto indagine i quattro pediatri dell'Usl che la hanno visitata le quattro volte che i genitori della bimba, preoccupati per la tosse che non passava e la febbre, la hanno portata al Pronto soccorso dell'ospedale di Aosta.

Leggi anche > In ospedale per un malore, viene dimessa: Aurora muore a 16 anni, indagato un medico

I primi accessi erano stati per febbre e problematiche respiratorie: una prima visita a gennaio, altre tre a febbraio. Nell'ultimo caso è intervenuta l'ambulanza. La piccola è stata portata prima al presidio di Beauregard, dove è andata in arresto cardiaco, e poi al Parini. Da qui, il trasferimento al Regina Margherita, in condizioni disperate. I genitori hanno dato l'assenso alla donazione degli organi. Indaga la polizia. Padre e madre avevano portato la prima volta la piccola in ospedale, nel presidio pediatrico Beauregard di Aosta, mercoledì 5 febbraio. Infiammazione delle vie respiratorie, eseguiti esami del sangue e la piccola era stata dimessa come se si trattasse di una semplice influenza facile da tenere sotto controllo.

Il giorno dopo, però, giovedì 6 febbraio, i genitori erano tornati nuovamente con la piccina perchè erano preoccupati e non notavano miglioramenti: l'aveva visitata un altro pediatra. Stazionario il quadro clinico e rimanda tutti a casa. E si arriva a martedì 11 febbraio, la bimba non si era ancora rimessa e i genitori la hanno portata di nuovo al pronto soccorso, vedevano dei peggioramenti. Nuovamente la piccina viene visitata e dimessa, anche se aveva febbre e tosse dopo tutti quei giorni di cure e convalescenza che non avevano risolto la situazione.

Le viene data una terapia di paracetamolo e cortisone, anche dell' aerosol per aiutarla a respirare. La sera del 12, mercoledì, dopo una settimana di tribolazione e corse in ospedale, la situazione è brutta e i genitori della piccolina tornano al presidio pediatrico. Un'ora dopo, verso la mezzanotte, il quadro clinico precipita. Si chiama un medico rianimatore, la bimba viene trasferita all'ospedale Parini, sempre ad Aosta, e poi un elicottero la porta al Regina Margherita di Torino. Arriva con una grave insufficienza respiratoria e in arresto cardiaco. Le sue condizioni sono disperate e falliscono tutti i tentativi di tenerla in vita.
Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Febbraio 2020, 22:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA