Bambina di 26 giorni ricoverata in terapia intensiva covid. I genitori positivi e non vaccinati

Bambina di 26 giorni ricoverata in terapia intensiva covid a Firenze. I genitori positivi e non vaccinati

Ricoverata una bambina di 26 giorni risultata positiva al Covid. La piccola si trova nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Meyer di Firenze: riesce a respirare solo con l'ausilio di un piccolo casco che le invia l'ossigeno necessario per sopravvivere. 

 

Leggi anche - Covid, Locatelli (Cts) sostiene l'utilità del vaccino per ragazzi e bambini. «Nessun dubbio»

 

La piccola, in ospedale da tre giorni, non sarebbe in pericolo di vita ma è sempre monitorata dai dottori. Avrebbe contratto il virus dal padre e dalla madre, entrambi risultati positivi al tampone nei giorni scorsi; ben presto il virus è arrivato alla bimba, è stata ricoverata con febbre alta all'ospedale delle Apuane e poi trasferita, a scopo precauzionale, a Firenze. La piccola – nata prematura – ha avuto bisogno anche appena uscita dal grembo materno di essere ventilata.

 

Dall'ospedale Meyer confermano che la piccola si trova in rianimazione ma solo in via precauzionale e che le sue condizioni sono stazionarie. A contrarre il virus, è stato ricostruito, sono stati per primi i genitori che stavano attendendo il proprio turno per ricevere la prima dose di vaccino. Nei giorni scorsi però la coppia ha avuto la febbre alta e ha deciso di effettuare un tampone che è risultato positivo.

 

La febbre ha colpito subito anche la piccola che è stata trasportata al pronto soccorso di Massa dove i medici hanno confermato il contagio. La bambina era nata prematura all'ospedale Noa di Massa e anche per questo i medici hanno deciso per il ricovero al Meyer, nonostante le sue condizioni non apparissero gravi.

 

Entrambi i genitori non sono ancora vaccinati, ma intenzionati a farlo appena possibile: avevano previsto di vaccinarsi nei prossimi giorni, ma non hanno fatto in tempo perché hanno contratto il Covid prima.

Il timore dei medici era che la situazione potesse repentinamente peggiorare: di qui la decisione di sottoporla a ventilazione assistita affinché i polmoni, ancora fragili, della piccola non venissero sottoposti a uno sforzo eccessivo. La madre è ricoverata insieme alla piccola, su suggerimento dei medici del Meyer che vogliono che stia accanto alla figlia, in isolamento.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 2 Agosto 2021, 14:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA