Sirio, il bambino tetraplegico di 8 anni vittima dell'attacco hacker alla Regione Lazio: senza alimenti per un intero giorno

Sirio, il bambino tetraplegico di 8 anni vittima dell'attacco hacker alla Regione Lazio: senza alimenti per un intero giorno

A causa dell'attacco terroristico digitale che ha bloccato la Regione Lazio, Sirio un bambino di 8 anni ha sofferto le pene dell'inferno. Sirio, infatti, è un bambino tetraplegico di 8 anni e per un intero giorno non ha potuto avere le sonde e gli alimenti che lo tengono in vita.

 

Leggi anche > Gli amici gli presentano una ragazza: lui la porta a fare una passeggiata, poi la violenta

 

L'attacco criminale degli hacker alla Regione Lazio ha attaccato tutti, persino bambini indifesi. La loro azione spietata, feroce e malavitosa ha colpito anche chi non ha modo di reagire, proprio come Sirio. Se fin qui ha dovuto sopportare l'insopportabile, le pene di una malattia che gli impediscono di vivere la spensieratezza dei suoi anni, adesso ha dovuto soffrire l'inimmaginabile

 

E' stato travolto da una bomba digitale improvvisa, impensabile e che ha disintegrato il suo diritto ad essere curato. La sua salute è stata messa a repentaglio da chi vuole una sorta di pizzo informatico, una richiesta di riscatto imposta da criminali del digitale alla sanità laziale. La storia di Sirio è raccontata su twitter dall'account "i tetrabondi", che racconta le difficoltà della vita del bambino, insieme al coraggio della sua famiglia che gli è costantemente vicino. 

 

 

E mentre si dà la caccia virtuale ai responsabili, la via tracciata da questo attacco è tremenda. Si delinea un futuro in cui premendo un tasto si faranno più danni che premendo un grilletto. Chissà quanti altri Sirio in futuro dovranno soffrire le pene dell'inferno a causa di criminali dietro ad uno schermo. Chissà a quanti altri verrà negato il diritto alla salute in futuro. A quanti verrà negata una tac, un elettrocardiogramma, una gastroscopia o una qualsiasi analisi che potrebbe salvare loro la vita. Chissà quante altre vittime ci saranno dei ricatti digitali che dovranno pagare con quello a loro più caro: la salute


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 4 Agosto 2021, 23:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA