Insulta e picchia la fidanzata in centro, poi prende a calci chi cerca di difenderla

Insulta e picchia la fidanzata in centro, poi prende a calci chi cerca di difenderla

Una notte da incubo per una giovane donna. Picchiata brutalmente dal fidanzato all’alba del primo dell’anno. Il primo giorno del 2019 è cominciato, purtroppo, all’insegna dell’ennesimo atto di violenza che si è consumato, questa volta, ai danni di una ragazza di Ascoli: un atto vile e criminale che va ad allungare la lista nera delle aggressioni contro le donne. 

Napoli, picchia in strada compagna e le stringe alla gola collare da cane

Prima un acceso litigio tra i due fidanzati, a pochi passi da piazza delle Verdure. Poi è cominciata la furia cieca. Lui l’ha picchiata. Ma lo ha fatto davanti a delle persone che in quel preciso istante passavano di lì per caso, mentre la vicina piazza del Popolo si svuotava dopo il consueto concerto di San Silvestro, finito da poche ore. Secondo quanto raccontato da alcuni i testimoni che hanno visto tutto, dunque, si sarebbe trattato di uno scenario di straordinaria follia ai danni della malcapitata giovane ascolana che ha subìto, inerme, le percosse del suo fidanzato.

Un litigio, quindi, tra i due, dapprima verbale. Poi il ragazzo, passando alle vie di fatto, avrebbe inveito e picchiato brutalmente la ragazza sotto la sua abitazione. Una brutta vicenda, l’ennesima, che aggiunge un ulteriore e preoccupante tassello ai casi di violenze sulle donne. Non solo. La vile aggressione è avvenuta anche sotto gli occhi attoniti di alcuni operatori di Ecoinnova/Ascoli Servizi Comunali che erano a pochi passi dai due fidanzati, nel pieno delle proprie funzioni. 

E uno di loro è intervenuto a difesa della ragazza che, pare, sia riuscita a mettersi in salvo dalla furia del suo uomo, rifugiandosi all’interno di uno stabile li vicino. Ma dopo pochi istanti la situazione è degenerata, a tal punto che il fidanzato violento se l’è presa anche con l’operatore comunale, prendendolo a calci e fuggendo, subito dopo, tra le strade del centro storico. Le operatrici ecologiche, spaventate e traumatizzate dalla scena che avevano appena assistito, hanno prestato soccorso al collega, chiedendo l’intervento delle forze ordine.  

Fortunatamente, dopo una breve caccia all’uomo, il ragazzo è stato subito rintracciato e identificato dalla Polizia. Ora gli agenti del commissariato di Ascoli stanno ascoltando le testimonianze per avere un quadro il completo possibile su come si sono svolti i fatti e vagliando la posizione del giovane presunto aggressore. 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Gennaio 2019, 09:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA