Agli arresti domiciliari, implora i carabinieri di arrestarlo: «Non ce la faccio più a vivere in casa con mia suocera»

Agli arresti domiciliari, implora i carabinieri di arrestarlo: «Non ce la faccio più a vivere in casa con mia suocera»

«Non ce la faccio più a vivere in casa con mia suocera»: con queste parole, un 52enne, originario di Lecce ma residente ad Asti, ha lanciato il suo grido d'aiuto ai carabinieri con una telefonata. Condannato a due anni e due mesi per maltrattamenti nei confronti della madre, gli arresti domiciliari decisi dal giudice erano divenuti una misura insopportabile, per cui ha implorato le forze dell'ordine di arrestarlo e portarlo in carcere.  

 

Leggi anche - Tragedia funivia, il piccolo Eitan portato in Israele dal nonno. La zia materna: «Agito per il suo bene». Quella paterna: «È Pavia casa sua»

 

Gli uomini dell'arma, sorpresi dalla singolare richiesta, hanno spiegato al 52enne i motivi per cui la sua richiesta non fosse realizzabile. Ma dopo sole 24 ore, durante un controllo di routine, l'uomo non si è fatto trovare nel suo appartamento. Le ricerche sono durate meno del previsto, perchè il "latitante" si è presentato di sua spontanea volontà in caserma. «Sono evaso ed eccomi qui per costituirmi. Adesso mi potete arrestare»

Davanti ad un nuovo rifiuto da parte degli agenti, ha aggredito a calci e pugni uno di loro, così da riuscire ad essere incriminato per aggressione e resistenza a pubblico ufficiale e per questo motivo arrestato.

Davanti al gip si è scusato per l'aggressione, ammettendo di aver esagerato con il vino e di non ricordare nulla degli eventi del giorno precedente. In attesa di essere giudicato per direttissima, passerà il tempo che lo separa dalla sentenza in carcere, come sperato. 


Ultimo aggiornamento: Domenica 12 Settembre 2021, 18:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA