Argentario, primo indagato per l'incidente tra lo yacht e la barca a vela

Al momento della collisione, sull'imbarcazione a motore di 13 metri, c'erano quattro cittadini danesi

Video

Svolta nelle indagini sull'incidente dello yacht nell'Argentario. Ci sarebbe un primo indagato sullo scontro fra un motoscafo e una barca a vela, avvenuto sabato scorso fra l'Argentario e l'Isola del Giglio, nel quale è morto un uomo e una donna risulta ancora dispersa. Nel registro degli indagati è finita la persona che guidava il motoscafo.

Argentario, lo yacht dei 25enni a tutta velocità contro la barca a vela. Ipotesi choc: «C'era il pilota automatico»

Anna Claudia Cartoni, chi è la donna dispersa nello scontro tra barche all'Argentario: una vita dedicata ai bimbi disabili

La ricostruzione

Al momento della collisione, sull'imbarcazione a motore di 13 metri, c'erano quattro cittadini danesi. Non è ancora stata ricostruita l'esatta dinamica di quanto avvenuto, ma finora, l'ipotesi più accreditata è quella dell'uso di un pilota automatico.

Per verificare ogni pista, gli inquirenti hanno interrogato tutte e quattro le persone che si trovavano a bordo del motoscafo. Il fascicolo aperto dalla Procura ipotizza i reati di naufragio e omicidio colposo. Nel frattempo entrambe le imbarcazioni sono sotto sequestro.

Le ricerche

Proseguono senza sosta le ricerche di Anna Claudia Cartoni, la donna dispersa in mare. Ma finora, di lei nessuna traccia. Le ricerche della 60enne, ex ginnasta romana, sono in corso grazie ai mezzi nautici della Guardia Costiera e dell'unità di stanza all'isola del Giglio e all'isola d'Elba.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Luglio 2022, 13:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA