Massacra la moglie a coltellate nel sonno, poi telefona al figlio: «Vieni, ho ucciso tua madre»

Massacra la moglie a coltellate nel sonno, poi telefona al figlio: «Vieni, ho ucciso tua madre»

Tragedia in una casa di Modena in via Alassio, dove un anziano di 88 anni avrebbe massacrato la moglie a coltellate nel sonno: la donna è stata trovata vicino alla camera da letto e quando è stata colpita a morte, presumibilmente, stava dormendo. L'anziano è stato invece arrestato dalla Polizia, che ha avviato indagini con la squadra mobile.

Violenza sessuale, fermati tre ventenni: «Ragazza accerchiata, picchiato il fidanzato»

La vittima aveva 77 anni ed è stata trovata alle 5 di questa mattina nell'appartamento in via Alassio a Modena, in un lago di sangue, accoltellata in camera. Il marito avrebbe colpito la moglie 77enne con almeno un fendente al petto con un coltello da cucina: poi ha telefonato a uno dei figli, dicendogli «Vieni, ho ucciso tua madre». Il figlio si è subito diretto verso la casa all'ottavo piano, e una volta aperta la porta di ingresso ha trovato la madre in una pozza di sangue tra corridoio e camera da letto. 

Martellate a moglie e figlia: «Sono pieno di debiti, volevo liberare la mia famiglia»

SOFFRIVA DI DEMENZA SENILE Il delitto è avvenuto stamattina, intorno alle 5.30: l'anziano, 88 anni, da tempo soffre di problemi psichici legati all'età, in particolare di demenza senile certificata, e a breve avrebbe dovuto esser visitato da un geriatra. Quando il 118 sono giunti sul posto, la vittima era in condizioni disperate ed è infatti deceduta poco dopo all'ospedale di Baggiovara, dove attualmente, nel reparto di Diagnosi e cura, si trova anche il marito, arrestato per omicidio. In mattinata la polizia scientifica è rimasta a lungo all'interno dell'appartamento, alla ricerca di tutti gli elementi utili. 

 
 

Pochi i dubbi per la squadra mobile della polizia di Stato: la tragedia è strettamente legata alle condizioni di salute dell'omicida, che negli ultimi mesi sarebbe diventato sempre più aggressivo e difficilmente gestibile. Ad occuparsi di lui era appunto la moglie insieme ai figli, che però abitano in altre case: l'88enne presentava anche una ferite lieve al collo e per gli inquirenti non si può escludere un tentativo di suicidio. La vittima, stando ad alcune testimonianze, negli ultimi tempi aveva riferito di essere sempre più preoccupata per le condizioni del marito, divenuto irascibile e, appunto, anche aggressivo. 
Giovedì 18 Luglio 2019, 11:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA