Risucchiato e stritolato, ​a 32 anni la morte nel pastificio
di Gabriella Cuoco

Risucchiato e stritolato, ​Aniello a 32 anni trova la morte nel pastificio

Una tragedia repentina lacera un ordinario turno di lavoro pomeridiano. Il corpo di un operaio quasi inghiottito dal macchinario al quale lavorava. Una morte dolorosa, lancinante alla quale i colleghi, sotto choc, hanno inutilmente tentato di strappare il giovane collega. Il macchinario però non ha lasciato la sua preda, quasi la masticasse. E ora si indaga per capire cosa non ha funzionato. Qualcuno, addirittura, ha parlato di un'inceppata già segnalata da qualche giorno dagli addetti ai lavori. Certo è, che il 32enne Aniello Bruno, da qualche anno operaio del pastificio Guido Ferrara, dislocato nella zona industriale di Polvica nel territorio nolano, al confine con quello della Valle di Suessola, è morto sul colpo, stritolato dal macchinario per imballaggi che lo ha completamente risucchiato.I colleghi hanno cercato in tutti i modi di aiutarlo ma, purtroppo, non c'è stato nulla da fare. Qualcuno ha addirittura cercato di tirarlo arrampicandosi sulle parti superiori della struttura. L'uomo, figlio di Vincenzo Bruno, ex negoziante molto conosciuto sul territorio, e residente in via Fosse, non è scampato alla morte.

SCENA RACCAPRICCIANTE
Erano all'incirca le 17,40 di ieri pomeriggio quando Aniello, di turno pomeridiano, si trovava come al solito al suo posto di lavoro, nel reparto imballaggi insieme ad altri tre colleghi che in quel preciso momento era indaffarati in altre cose. A fine luglio, almeno secondo quanto hanno raccontato alcuni colleghi, Aniello sarebbe dovuto andare in ferie con la sua fidanzata storica. Aveva progettato tutto. Improvvisamente urla disumane si sono alzate dalla postazione del 32enne. La scena agli occhi dei colleghi è stata davvero raccapricciante. C'era sangue dappertutto, sia sul macchinario che sul pavimento. Immediata, la chiamata ai sanitari del 118 della postazione di Nola che hanno potuto accertare solo il decesso. Il corpo dell'uomo è stato posto sotto sequestro dal magistrato di turno, che ha ordinato l'esame autoptico presso il reparto di medicina Legale del II Policlinico di Napoli, e le indagini sono state affidate agli agenti del commissariato di Nola, che ha già posto sotto sequestro il macchinario ed hanno ascoltato i testimoni della tragedia.

VIDEOCAMERE
Nella giornata di oggi saranno sequestrati anche alcuni filmati delle telecamere interne alla struttura. Aniello, fidanzato con una ragazza del posto, lascia anche un fratello gemello, con il quale condivideva ogni momento libera della sua giornata. Era un appassionato di calcio e, soprattutto, specialmente nei weekend amava stare all'aria aperta e con gli amici di sempre. Nelle ultime settimane, quando aveva un pomeriggio libero, scappava al mare. I familiari del 32enne sono giunti sul posto intorno alle 19,30. Qualche parente alla vista del corpo del 32enne si è sentito male. Sgomento anche tra i colleghi di lavoro.

SINDACATI
Francesco Fattoruso, segretario generale Fai Cisl Napoli conosce bene l'ambiente del pastificio Ferrara. «Sono ancora frastornato al pensiero - dice - che un giovane esca per andare a lavorare e non torni più. I colleghi sono impietriti. Non si può morire in questo modo. Eppure il pastificio Ferrara, che conosco bene, è un'azienda moderna, super tecnologica con produzione di qualità ed oggi è bastato poco perché una giornata di lavoro si trasformasse in una giornata di lutto». A San Felice a Cancello associazioni del territorio e comitato di quartiere hanno chiesto il lutto cittadino nel giorno dei funerali. Oggi il pastificio resterà chiuso.
 
Venerdì 13 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-07-2018 09:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME