Alvin arrivato in Italia: il bambino portato in Siria dalla madre per combattere con l'Isis

Alvin Berisha, il bimbo di 11 anni di origine albanese da poco arrivato in Italia, appena sceso dall'aereo è apparso sereno e sorridente. Vestito con jeans, giubbotto blu ed un cappellino rosso, Alvin nello scalo romano ha trovato ad accoglierlo il padre e le due sorelle. Ora, a quanto si è appreso, la Polizia di frontiera sta procedendo per il disbrigo delle formalità burocratiche e per le procedure di affidamento del minore al padre.
 
 

«Quando è stato recuperato Alvin, nel campo profughi in cui si trovava c'erano 70 mila persone, non è stato facile, ma è stato accolto come un principino». A parlare all'aeroporto di Fiumicino è Maria Josè Falcicchia, Dirigente dello Scip, tra le persone che si è recata in Siria a riprendere in Siria il bimbo di 11 anni da poco arrivato in Italia. «All'inizio il piccolo, che non parla più italiano perché lo ha dimenticato, ma solo l'arabo e un pò l'albanese - ha spiegato Falcicchia - era guardingo, ma ha sempre sorriso, sta bene».
Venerdì 8 Novembre 2019, 08:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA