Nascosta in un deposito segreto per 35 anni: torna alla luce una Giulietta SZ

Nascosta in un deposito segreto per 35 anni: torna alla luce una Giulietta SZ

Davvero particolare, e quasi degna di un romanzo giallo di Camilleri, la storia dell'Alfa Romeo Giulietta SZ anno 1962 che è stata esposta nei giorni scorsi ad Automotoretrò, l'evento torinese dedicato alle auto da collezione, e che è tornata alla luce dopo essere rimasta per 35 anni in un deposito segreto.

Il valore dell'auto è davvero importante, e potrebbe segnare un nuovo record: lo dimostra il fatto che all'asta giudiziaria in cui la SZ è stata assegnata alla Silvauto, azienda specializzata nella vendita di vetture d'epoca, prima dell'offerta finale (non comunicata) erano stati raggiunti i 505mila euro. A rendere preziosa questa realizzazione di Zagato contribuiscono non solo il limitato numero di esemplari prodotti - solo 217 fra il 1959 e il 1961 - ma l'assoluta originalità della vettura, ritrovata con la plastica ancora sui sedili e con il contachilometri a quota 94mila.
 
 


Come hanno ricostruito alcuni media, anche attraverso notizie pubblicate su Facebook, la Giulietta SZ era stata acquistata nel 1984 da un meccanico torinese, appassionato di auto d'epoca, che l'aveva collocata in un deposito segreto nella sua villetta di via Candiolo. Per il decesso del proprietario, che non aveva eredi e non aveva fatto testamento, tutte le proprietà sono passate dopo un lungo iter allo Stato che, come previsto dalla legge, sono state messe all'asta.
Ultimo aggiornamento: 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA