Alessia Pifferi, spunta il diario segreto: «Mia figlia Diana era il mio tutto»

Alessia Pifferi dal carcere di San Vittore ripercorre la sua vita fatta di fallimenti e dolori e dedica alla figlia parole dolci

Video

di redazione web

Alessia Pifferi continua a far parlare. La donna di 37 anni accusata di aver causato la morte di sua  figlia di 18 mesi abbandonandola sola in casa e facendola dunque morire di stenti, dal carcere di San Vittore cerca di raccontare la sua storia. Un diario segreto nel quale si racconta e che Quarto Grado ha portato alla luce.

Leggi anche > Alessia Pifferi, «stiamo parlando del nulla»: toni accessi a Storie Italiane tra il legale della donna e Samantha de Grenet. Interviene Eleonora Daniele

Il racconto

«La mia bambina mi manca tantissimo. Mi manca prendermi cura di me stessa, esteticamente e fisicamente, mi manca anche la mia casa e i miei vestiti. Mi manca cucinare, pulire e il ballo. Sono sempre stata una ragazza attiva, solare, dolce e seria soprattutto, ma da quando mi trovo in carcere per la perdita di mia figlia Diana mi sento sempre più giù. E più vado avanti e più è peggio». La donna dal carcere racconta la sua vita in carcere, ma nel suo diario segreto trova spazio anche il suo passato fatto di tanti fallimenti e dolori.

Il suo passato

Alessia Pifferi ricorda con dolore tutti i fallimenti a cui ha dovuto far fronte e quella luce di speranza in fondo al tunnel rappresentato da quella bambina che poi ha abbandonato al suo triste destino. «Tra la separazione, la perdita del mio bambino, il lutto di papà e la mia chemioterapia, non fu facile riprendermi eppure riuscii a rialzarmi grazie alle poche amiche che ho. Successivamente mi sono iscritta a un sito d'incontri e dopo alcuni appuntamenti andati male, ho conosciuto un uomo».

Le dolci parole per Diana

La 37enne dedica molte parole dolci per la sua piccola Diana. Pagine intere dove ripercorre i loro momenti insieme fino a quell'ultimo incontro dove, probabilmente, ha realizzato di aver rovinato tutto: «Con lei avevo un rapporto bellissimo, era la luce della mia vita, il mio tutto. Per me non è mai stata un intralcio, né un ostacolo nella mia vita. Quel mercoledì quando sono tornata a casa ho aperto la porta velocemente per mangiarmela di baci, invece l'ho trovata con gli occhi mezzi aperti, le mani e i piedi scuri».

 

Ultimo aggiornamento: Sabato 5 Novembre 2022, 13:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA