Alessandra, sepolta insieme all'uomo che la picchiò a morte. Dalle amiche una colletta per separarla da lui

Sulla tomba una foto felice del loro matrimonio e la scritta "I vostri splendidi sorrisi. Sempre e per sempre"

Alessandra, sepolta insieme all'uomo che la picchiò a morte. Dalle amiche una colletta per separarla da lui

Picchiata a morte e poi sepolta con il carnefice nella tomba di famiglia. L'ennesima violenza Alessandra Perini l'ha subita quando è stata sepolta vicino al marito accusato di averla uccisa. Inaccettabile per le amiche che hanno deciso di fare una colletta per farla riposare in pace. Alessandra è morta il primo ottobre 2020 a 46 anni vittima delle violenze del marito Davide Di Donna, 50 anni nella casa dove vivevano a Pavollo (Modena).

L'uomo accusato di averla uccisa si è tolto la vita un mese dopo mentre era ai domiciliari e le sue ceneri sono state messe vicino a lei nel cimitero di Monteobizzo. In quella che è stata organizzata come una tomba di famiglia,  - come riporta il Corriere della Sera - è stato affisso un cartello con una foto felice del loro matrimonio e la scritta: "In noi... i vostri splendidi sorrisi. Sempre e per sempre".

Leggi anche > Torino, uccide la moglie nel sonno: chiama il 112 e poi si spara. Sul tavolo la lettera di scuse ai figli

Le amiche di Alessandra hanno lanciato una raccolta fondi in paese, trovando molte persone disposte a aiutarle per dare degna sepoltura alla donna. Anche perché il tumulo non ha ancora una lapide. «Immaginate cosa possiamo provare noi che volevamo bene ad Alessandra a vederla adesso riposare per sempre con accanto il marito accusato di averla uccisa – confidano alla Gazzetta di Modena – ma noi siamo parenti più lontani, e non possiamo dire nulla se la scelta dei parenti stretti è stata questa».


Ultimo aggiornamento: Martedì 2 Novembre 2021, 00:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA