Aldo Serena, l'ex bomber di Milan, Inter e Juve ferma il marocchino che sfasciava le vetrine

L’ex centravanti è intervenuto per fermare il 27enne: «Gli ho detto che lo conoscevo e che ero certo che fosse una brava persona, l’ho invitato a fermarsi»

L'ex bomber di Milan, Inter e Juve ferma il marocchino che sfasciava le vetrine. Lo riconoscete? FOTO

L'ex centravanti della Nazionale, Aldo Serena, ha placato un 27enne marocchino, che con un’asta di ferro picconava una vetrata del bar alla Loggia di Montebelluna, in provincia di Treviso. Un'impresa non facile per l'ex attaccante di Milan, Inter e Juventus che ha mantenuto la calma per fermare l'ira del ragazzo. 

Leggi anche > Abusava e maltrattava da anni la figlia 11enne: arrestato il padre romeno

I fatti sono avvenuti giovedì scorso e, come riporta il Corriere della sera, il quasi 62enne Aldo Serena era in pieno centro della sua città, dove abita da anni. «Ero in centro con mia moglie per una commissione, quando c’è stato un forte trambusto - racconta al Corriere -. Prima questo giovane si è spogliato e si è immerso in una fontana, forse aveva caldo o era alterato. Poi ha creato confusione in un bar, finché il proprietario e i dipendenti non si sono barricati dentro».

Forse il ragazzo voleva prendere delle birre senza pagarle: «Una volta fuori ha imbracciato un’asta e ha cominciato a colpire il vetro».

Sui social sono stati diffusi video e immagini che mostrano l’intervento di Aldo Serena, che indossa un paio di bermuda e una maglietta rossa e ha il casco nella mano destra. «Ero lì in moto con mia moglie, che si è arrabbiata per il mio “intervento”, visto che avrei potuto essere aggredito».

L’ex centravanti è intervenuto per fermare il 27enne: «Gli ho detto che lo conoscevo e che ero certo che fosse una brava persona, l’ho invitato a fermarsi. Lui mi guardava e mi ascoltava. Il tempo passava, le forze dell’ordine erano in arrivo. Insomma, cercavo di guadagnare minuti».

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che lo hanno portato via in ambulanza. Il proprietario del bar, invece, è stato medicato per le lesioni al dito di una mano, durante la colluttazione per le birre. «L’ho fatto per il titolare del bar. Conosco le fatiche che fanno questi piccoli imprenditori, ciò che hanno passato con la pandemia. Non volevo che quel posto subisse troppi danni», ha concluso Aldo Serena.


Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Giugno 2022, 20:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA