Avellino, la mamma del 23enne reo confesso: «Mio figlio è stato plagiato dalla fidanzata»

Avellino, la mamma del 23enne reo confesso: «Mio figlio è stato plagiato dalla fidanzata»

Giovanni Limata, il ragazzo di 23 anni che ha ucciso Aldo Gioia, padre di Elena, la sua ragazza diciottenne, sarebbe stato plagiato. A dirlo è la mamma del giovane che a Il Mattino spiega la sua versione dei fatti raccontando dell'instabilità del figlio, che definisce come un soggetto fragile e facile da manipolare.

Leggi anche > Ragazza di 18 anni stuprata dal branco. Ma il papà li difende: «Sono bravi ragazzi, mia figlia era ubriaca»

 

Maria Crisci spiega che in passato Giovanni ha tentato il suicidio e ha dimostrato una certa instabilità psichica. La donna definisce il figlio come un burattino in balia della fidanzata che di fatto lo avrebbe costretto a compiere il delitto approfittando proprio della sua fragilità. Giovanni avrebbe vissuto molti momenti critici nella sua vita, uno tra tutti quello del tentato suicidio dopo una delusione d'amore. Il 23enne ha sempre trovato la forza di reagire, spiega la madre, soprattutto grazie alla famiglia che lo ha sempre sostenuto.

Ricostruendo il delitto la donna ha raccontato la sera dell'omicidio: «A tarda sera è tornato stanco, strano, accompagnato da qualcuno, ci ha detto. Poi sono arrivati i poliziotti e l'hanno preso». La donna spiega però che lui era convinto di non aver ucciso nessuno. «Io e mio marito stiamo soffrendo – ha concluso la donna – ma non era la nostra famiglia ad essere manchevole. Non è la nostra famiglia che non ha amore al suo interno».

Nonostante la confessione la vicenda però non sembra ancora essere chiara agli inquirenti e l'ipotesi è che Giovanni non fosse solo ma che sarebbe stato aiutato da una terza persona. Il dubbio sorge sul numero delle coltellate, 14, definite veramente molte, difficili da infliggere per una sola persona in così poco tempo, per questo si ipotizza potesse esserci un secondo coltello a ferire Aldo, e quindi una seconda persona. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Aprile 2021, 16:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA