«Mio padre ucciso di botte dai militari in carcere». La denuncia del figlio Rudra Bianzino: «Ora riaprite il caso»
di Simone Pierini

«Mio padre ucciso di botte dai militari in carcere». La denuncia del figlio Rudra Bianzino: «Ora riaprite il caso»

«Oltre 10 anni fa moriva in modo assurdo mio padre, Aldo Bianzino, nel carcere di Perugia. Ci dissero che aveva evidenti lesioni al cervello al fegato e alla milza, e il medico legale di parte parlò di un *pestaggio militare atto ad uccidere*, ma incredibilmente archiviarono il caso, dicendo che era morto per cause naturali!». Inizia così il testo della petizione promossa da Rudra Bianzino, a 11 anni dalla morte di Aldo Bianzino, deceduto nel carcere di Perugia Capanne dopo circa 48 ore dall'arresto. 



Oggi il caso potrebbe essere a una svolta. Ne è convinto il ragazzo che chiede con forza di riaprire le indagini per omicidio. Da due perizie svolte da consulenti medici della famiglia emergono nuovi elementi sulle lesioni che hanno portato alla morte del falegname 44enne. 

«In tutti questi anni io non mi sono dato per vinto - ha scritto sul sito dove è stata pubblicata la petizione- e finalmente sono riuscito ad ottenere nuove e importantissime analisi mediche e legali che mettono completamente in discussione il suo caso»



Il figlio, che all'epoca dei fatti aveva solo 14 anni, ha depositato nelle scorse settimane una richiesta di riapertura delle indagini per omicidio a carico di ignoti, che è ancora al vaglio della Procura. Secondo le due perizie, effettuate a novembre dai consulenti medici della famiglia Luigi Gaetti e Antonio Scalzo, la causa della morte di Aldo Bianzino, deceduto il 14 ottobre 2007, sarebbe riconducibile a una «emorragia subaracnoidea» provocata però «non dalla presenza di un aneurisma ma da un evento traumatico», è stato spiegato oggi in una conferenza stampa.



E la lesione epatica, che finora è stata considerata legata alle «manovre di rianimazione», sarebbe - secondo queste perizie - invece contemporanea all'altra. «Le lesioni sono sovrapponibili - ha detto in conferenza stampa l'avvocato Cinzia Corbelli, legale di Branzino assieme all'avvocato Massimo Zaganelli - sono insorte contemporaneamente e almeno 2 ore prima del decesso».
 

«La battaglia che sto portando avanti va al di là della voglia di giustizia per mio padre - ha sottolineato oggi Rudra - ha una valenza generale. Bisogna fare chiarezza su questa vicenda - ha aggiunto, citando anche anche i casi Cucchi e Uva - non possiamo permetterci di avere questi dubbi - ha sottolineato definendosi un - figlio senza famiglia che chiede di vivere in uno stato di giustizia». Nel corso di una conferenza stampa in Senato ha anche lanciato una petizione online per «supportare questa richiesta di verità e giustizia» e ha chiesto che «venga aperta una Commissione di inchiesta parlamentare per tutti i casi sospetti di persone morte sotto custodia delle istituzioni».
 

Presente anche il senatore Luigi Manconi, all'epoca sottosegretario alla Giustizia, che ha sottolineato: «Un cittadino posto sotto tutela dello Stato deve rappresentare il bene più prezioso». Il fascicolo per omicidio a carico di ignoti sulla morte di Bianzinovenne archiviato dal gip di Perugia nel dicembre del 2009 mentre un agente di polizia penitenziaria è stato condannato per omissione di atti d'ufficio. 
Venerdì 18 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 14:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME