Alberto Zangrillo, un anno dopo: «Il virus esiste, ma è clinicamente in letargo»

Alberto Zangrillo, un anno dopo: «Il virus esiste, ma è clinicamente in letargo»

Il coronavirus non è morto, ma è in letargo. Torna a far parlare di sé Alberto Zangrillo, direttore dell'Unità operativa di anestesia e rianimazione generale del San Raffaele di Milano, che ai microfoni di Un giorno da pecora su Rai Radio 1, a oltre un anno dalle sue parole che provocarono polemiche («Il virus è clinicamente morto», disse dopo la fine del primo lockdown della primavera 2020), è tornato a parlare della situazione legata alla pandemia di Covid in Italia.

 

Leggi anche > AstraZeneca, come sta la 18enne colpita da trombosi dopo il vaccino anti Covid


«Questa mattina il Pronto soccorso del mio ospedale era pieno di pazienti con altre malattie, non esistono fortunatamente pazienti con insufficienza respiratoria da Sars-CoV-2. Questo per me vuol dire che il virus è clinicamente... in letargo. Vogliamo dirla così? Può darsi che si risvegli? Speriamo di no», ha detto Zangrillo. «Il virus esiste - sottolinea - come esistono centinaia di virus. Adesso stiamo cercando questo, quindi troviamo questo, però se ne cercassimo altri ne troveremmo altri e quello che è certo - aggiunge - è che dobbiamo affrontarlo con attenzione, evitando di fare le cassandre, ma anche di fare degli indovini».

 

 

Secondo Zangrillo, che è anche medico personale di Silvio Berlusconi ormai da anni, «viviamo nel continuo e perenne pregiudizio. La verità assoluta non esiste. La verità è verità in quanto tale perché la dice qualcuno che appartiene al politically correct. Noi - spiega con un esempio - ricordiamo quando Trump disse che forse c'era poca trasparenza da parte dei cinesi: fu preso come un cialtrone, un buffone, e attaccato soprattutto dai media locali e poi ovviamente da tutti gli altri. Adesso, a un anno di distanza, le stesse cose le dice Biden e quindi ora è giusto indagare. In Italia è la stessa cosa - conclude il medico - quindi il politically correct è alla fine quello che guida: la verità è in relazione a chi dice quella cosa».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 8 Giugno 2021, 16:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA