Alberto Genovese, le chat degli amici a Storie Italiane: «Diamogli in pasto un 'pesce' e ci divertiamo»

Alberto Genovese, le chat degli amici a Storie Italiane: «Diamogli in pasto un 'pesce' e ci divertiamo»

Intanto una delle vittime invalida al 40% chiede un milione e mezzo di risarcimento

A Storie Italiane la chat degli amici di Alberto Genovese, l'imprenditore che è accusato di stupro. «Diamo in pasto il pesce a lui, così sta tranquillo e noi ci divertiamo a casa sua», si legge nelle chat finite al vaglio degli investigatori. Come si sottolinea in studio da Eleonora Daniele gli autori dei messaggi non risultano indagati.

 

Leggi anche > Eleonora Daniele e il fratello autistico: «Ero il suo tramite col mondo. Ho imparato dai suoi silenzi»

 

Alberto Genovese, la chat a Storie Italiane

L'imprenditore del web è imputato con l'accusa di aver violentato, dopo averle rese incoscienti con un mix di droghe, due modelle: una, 18 anni, durante una festa organizzata il 10 ottobre dell'anno scorso nel suo attico con vista sul Duomo e l'altra, 23 anni, sua ospite in una villa di lusso a Ibiza nel luglio precedente. Le chat parlano proprio di donne inermi e corpi abusati. C'è chi si sente in colpa, ma poi la voglia di divertimento prevale. Gli amici gli presentavano le ragazze per farlo stare tranquillo e divertirsi in casa sua.

 

Alberto Genovese, la richiesta di risarcimento

Intanto una delle vittime invalida al 40% chiede un milione e mezzo di risarcimento. Davanti al gup Chiara Valori, con la costituzione di parte civile sia delle due giovani sia dell'associazione D.i.Re-Donne in Rete contro la violenza, si è aperta, ieri, l'udienza preliminare aggiornata al 28 gennaio. La 18enne ha avanzato, tramite il suo legale, la richiesta di risarcimento per le terribili sofferenze causate da quella tragica nottata.

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Novembre 2021, 11:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA