Mafia, il tribunale scarcera 21 boss: il pentito che li accusa resta in carcere.
E le vittime del pizzo ora hanno paura

  • 565
    share
Valanga di scarcerazioni nell'agrigentino dove sono tornati liberi presunti boss e gregari di Cosa nostra accusati di associazione mafiosa ed estorsione. Fino a questo momento, come confermano gli inquirenti all'Adnkronos «sono più di venti le persone scarcerate sulle 57 arrestate lo scorso 22 gennaio» nel corso dell'operazione 'Montagna'. «Ma il numero potrebbe crescere», avvertono gli investigatori sconsolati.

Un blitz che aveva «decapitato Cosa nostra agrigentina», come aveva detto il colonnello Giovanni Pellegrino, Comandante provinciale dei Carabinieri di Agrigento, commentando i retroscena del maxiblitz, definito dal Procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, come «una delle più importanti operazioni antimafia degli ultimi anni». «Con l'operazione vengono aggrediti due mandamenti mafiosi preesistenti - diceva ancora l'ufficiale dei Carabinieri - e messa in luce l'esistenza di una nuova 'creaturà, la 'Montagnà a cui aderiscono, sotto l'egida, del paese di Santa Elisabetta, anche i paesi della realtà provinciale montana di Agrigento».




Dal blitz emersero anche i due tentativi di estorsione nei confronti di coop che si occupano della gestione dell'accoglienza dei migranti. Tentativi che «però non sono andati in porto», spiegavano gli investigatori. «Le estorsioni consistevano nella richiesta di fare assumere alle coop del personale riconducibile a Cosa nostra e dall'altra di avere una percentuale su ogni contribuito pro capite ottenuto». E ad oggi più di venti arrestati sono stati scarcerati dal tribunale del Riesame di Palermo.

Le motivazioni del provvedimento si conosceranno solo tra 45 giorni. Solo allora la Procura potrà presentare ricorso in Cassazione. E fino ad allora i boss resteranno a piede libero. Sembra che alla base delle scarcerazioni ci sia un vizio formale. Nell'inchiesta 'Montagnà, per la prima volta, le vittime del pizzo hanno deciso di denunciare i loro estorsori. Ma dopo le scarcerazioni vittime e carnefici potrebbero ritrovarsi nuovamente faccia a faccia.  

Lunedì 19 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 20-02-2018 08:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-02-20 11:20:30
E poi incoraggiano a denunciare!ma x favore,,,ora chi tutela questi commercianti???
2018-02-20 06:25:34
a cosa servono le denunce se poi i risultati sono questi???v e r g o g n a giustizia!!!!
DALLA HOME