Agnese perde la battaglia contro un brutto male. Il mondo della musica piange la sua artista
di Matteo CAIONE

Agnese non ha vinto la battaglia contro un brutto male. Il mondo della musica piange la sua artista

Muore a 35 anni la cantante e artista salentina Agnese Perulli. Lutto nel mondo della cultura e della musica. Il dramma si è consumato questa mattina in una dimora di campagna di Arnesano in Puglia, in via Materdomini. Un malore improvviso ha tolto la vita alla giovane donna, che era ospite di un amico.

Paola Perego e la lotta contro il mostro: "Volevo rompermi un braccio al muro"

È stato proprio l'uomo ad allertare i soccorsi. Ma all'arrivo del personale del 118 per la 35enne purtroppo non c’era più nulla da fare. Il suo cuore aveva già smesso di battere.

La musicista stava lottando da tempo contro un bruttissimo male. Sul posto, per le procedure che impone la prassi, sono intervenuti i carabinieri della stazione di Monteroni e la polizia municipale di Arnesano che non hanno rilevato anomalie nella ricostruzione dei fatti. La donna è morta per cause naturali: è stata stroncata da un arresto cardiaco. Su disposizione del pm di turno, la salma è stata comunque trasferita presso la camera mortuaria del Vito Fazzi di Lecce a disposizione dell’autorità giudiziaria. E se nelle prossime ore non saranno ordinati ulteriori accertamenti, il feretro sarà riconsegnato ai familiari.

Si spegne una luce nel panorama musicale pugliese. Agnese Perulli, artista di origini panamensi trapiantata nel Salento, si era formata nei conservatori “Nino Rota” di Monopoli, “Licinio Refice” di Frosinone e “Tito Schipa” di Lecce. La sua breve ma intensa carriera è stata costellata da una lunga attività concertistica. Ha insegnato canto, pianoforte complementare e coro. Ha partecipato a cd e colonne sonore. È stata vocalist in numerosi gruppi jazz, soul e funk, avviando collaborazioni live con musicisti di fama nazionale. Ha diretto cori gospel, ha composto brani e arrangiamenti. Perulli è stata, poi, membro stabile dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” fondata da Riccardo Muti, ed ha collaborato con l’Orchestra Internazionale d’Italia. Tra un mese avrebbe compiuto 36 anni. Il Salento dice addio ad una voce calda e avvolgente, capace di far vibrare le corde delle emozioni. 
Ultimo aggiornamento: Sabato 9 Maggio 2020, 09:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA