Trieste, agenti uccisi in questura: il video del killer in fuga che spara ad altezza d'uomo

video
"Aveva familiarità con le armi" il 29enne Alejandro Augusto Stephan Meran, il dominicano che ha ucciso venerdì i due poliziotti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego all'interno della Questura di Trieste: la conferma dal video diffuso oggi dalla polizia. Un video choc in cui si vede il killer dei poliziotti vagare armato dentro gli uffici della questura triestina e sparare.

LEGGI ANCHEChef Rubio contro tutti: attacca Rita Dalla Chiesa e Massimo Giletti

In fuga dalla Questura con due pistole in mano sparando colpi ad altezza d'uomo verso il piantone e poi una volta fuori tenta invano di aprire la portiere di una volante e si dirige verso la Panda della Squadra Mobile che fa velocemente retromarcia. Poi si ripara dietro le auto parcheggiate. Sono alcuni dei frammenti del video diffuso dalla Questura di Trieste sulla sparatoria avvenuta venerdi scorso e che inquadrano l'assassino dei due agenti Alejandro Stephan Meran.
 
 

All'inizio del video diffuso dalla questura, che contiene una serie di immagini registrate dalla videosorveglianza in diversi momenti e punti dell'edificio, si vede Alejandro con una sola pistola in mano che entra in una stanza piccola vuota, si volta, e guarda dietro alla porta. Poi le immagini di un'altra videocamera inquadrano l'atrio della Questura, dove l'uomo arriva correndo, si volta a sinistra e, puntando ad altezza d'uomo, fa fuoco contro il piantone impugnando stavolta due pistole (poco prima sottratte ai due agenti Rotta e Demenego - ndr). Subito dopo, in un'altra serie di immagini, si vede l'esterno dell'ingresso principale dell'edificio, dove Meran si avvicina a una volante della polizia parcheggiata tentando invano di aprirla. Infine, correndo incrocia un passante e si dirige verso la Panda della Squadra Mobile, che fa marcia indietro. Quindi si nasconde dietro alle macchine parcheggiate. Poi il video termina, ma l'azione prosegue con la sparatoria ingaggiata tra Meran e gli agenti, che riescono ad immobilizzarlo ferendolo ad una gamba.

«Coloro che desiderano esprimere vicinanza alle famiglie di Matteo e Pierluigi possono offrire il proprio sostegno con una donazione a favore del Fondo di Assistenza per il Personale della Polizia di Stato, mediante bonifico bancario IBAN IT30I0100503374000000200003 con causale 'A favore dei famigliari di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta». Lo rende noto la Questura di Trieste.

La Procura attende eventuali notizie dalla Germania, dove Alejandro ha soggiornato, per capire se abbia mai commesso episodi di violenza, comprovati da atti o documenti. Analogamente, la magistratura intende sapere se in Germania il giovane ha mai fatto ricorso a terapie psicologiche o psichiatriche.



Gli esami autoptici sui corpi degli agenti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, uccisi in Questura nel corso della sparatoria di quattro giorni fa, saranno compiuti mercoledì prossimo. Lo si è appreso in Procura, dove i magistrati hanno già trasmesso l'incarico relativo.

Ultimo aggiornamento: Lunedì 7 Ottobre 2019, 22:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA