Afghanistan, Di Maio: «Trasferire in Italia 2.500 civili. Presto un G20 straordinario»
di Ida di Grazia

Afghanistan, Di Maio: «Trasferire in Italia 2.500 civili. Presto un G20 straordinario»

Afghanistan, Di Maio: «Trasferire in Italia 2.500 civili. Scenario drammatico, presto un G20 straordinario». Il ministro degli Esteri ha dichiarato al Meeting di Rimini che con il premier Mario Draghi sta lavorando all'iniziativa che «vede al tavolo attori come Russia, Cina e India che rappresentano in questo momento un punto cruciale della strategia complessiva rispetto all'Afghanistan».

Leggi anche > Scuola e Green Pass, ministro Bianchi: «Professori e personale senza certificato saranno sospesi»

 

«Dobbiamo rafforzare la nostra alleanza occidentale, non metterla in discussione. Altrimenti ci indeboliamo tutti». Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, collegato con il Meeting di Rimini, a proposito della crisi in Afghanistan.

«L'Italia - ha proseguito il ministro degli Esteri - continua a lavorare per portare in salvo i collaboratori e gli attivisti che vogliono lasciare l'Afghanistan. Abbiamo evacuato finora circa 1.600 civili afghani, nostri ex collaboratori e loro familiari. Il piano è di trasferirne in Italia circa 2.500».

 

La riunione straordinaria di oggi tra i ministri degli Esteri della Nato a cui ha partecipato anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ha un'importanza cruciale, scrive sui spi profili social di Maio: «In un momento in cui la nostra Alleanza deve riflettere seriamente dopo gli ultimi sviluppi in Afghanistan. 
La gravità della situazione è chiara a tutti.

Di Maio ha dichiarato al Meeting di Rimini che con il premier Mario Draghi sta lavorando all'iniziativa di un G20 straordinario sull'Afghanistan, perché «se il G7 è importante per il coordinamento con gli alleati, il G20 vede al tavolo attori come Russia, Cina e India che rappresentano in questo momento un punto cruciale della strategia complessiva rispetto all'Afghanistan».

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Agosto 2021, 19:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA