Aeroporti, cambia tutto: termoscanner per la febbre, code a pettine e plexiglass

Rivoluzione in aeroporto dopo il lockdown. La misurazione della temperatura con il termoscanner sia per i passeggeri in partenza sia in arrivo - con l'ipotesi di farlo al terminal partenze e alla discesa del velivolo -, l'obbligo del rispetto del distanziamento anche sull'aereo, dove i viaggiatori sono tenuti a indossare guanti e guanti, sanificazione (in base al traffico) di tutti gli spazi negli aeroporti cercando di separare nettamente Necessario nella bozza di lavoro del ministero dei Trasporti nella cabina di regia della Fase 2 che l'ANSA ha potuto visionare.
 
 

Ma non solo: code a pettine, non più a "serpente" come accadeva adesso, plexiglass ai check in di imbarco per distanziare gli operatori dai passeggeri. In alcuni casi non si esclude una sanificazione dei bagagli a mano prima di salire a bordo. Insomma, cambierà molto per chi è abituato a volare con possibili allungamenti dei tempi di imbarco e sbarco.
Già prima del blocco dei voli, comunque, negli aeroporti italiani prima della partenza era prevista la misurazione della febbre con i termoscanner.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Aprile 2020, 12:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA