Abusi su un minore di 14 anni, arrestato prete ad Avellino

Il sacerdote è il fondatore di una cooperativa sociale per l'assistenza alle persone, soprattutto giovani, con problemi di depressione e disturbi dell'alimentazione

Abusi su un minore di 14 anni, arrestato prete ad Avellino

Atti sessuali su un minore di 14 anni. È questa l'accusa che ad Avellino ha portato in carcere un sacerdote di 50 anni, fondatore di una cooperativa sociale per l'assistenza alle persone, soprattutto giovani, con problemi di depressione e disturbi dell'alimentazione.

Leggi anche > Madre uccide le figlie di 11 e 3 anni in una casa accoglienza, poi scappa. Ricerche in corso anche nell'Adige

Il provvedimento è stato firmato dal Gip del Tribunale di Avellino su richiesta del Procuratore capo, Domenico Airoma. Le indagini, avviate dopo la denuncia presentata dal padre di un ragazzo di tredici anni, ospite della cooperativa da giugno a settembre scorsi, avrebbero accertato gli abusi.

Il sacerdote, don Livio Graziano, 50 anni, non è alle dipendenze della Diocesi di Avellino ma è incardinato in quella di Aversa, in provincia di Caserta. Dopo aver trascorso alcuni anni in ritiro spirituale presso il Santuario di Montevergine, nell'avellinese, don Livio ha aperto ad Avellino un ufficio di consulenza nutrizionista e successivamente ha fondato la cooperativa sociale «Effatà, Apriti» con sedi in due comuni a pochi chilometri da Avellino.

La sua permanenza nella Diocesi irpina, come ricordano le cronache, è stata contestata a più riprese dall'allora Vescovo di Avellino, monsignor Francesco Marino, originario di Caserta come il sacerdote arrestato. Per la sua «intensa attività sociale e umanitaria» a don Livio è stato assegnato nel 2014 a Benevento il premio «Padre Pio da Pietrelcina».


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Ottobre 2021, 17:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA