Zona bianca: spostamenti, ristoranti, centri commerciali, coprifuoco: tutte le regole

Zona bianca: spostamenti, ristoranti, centri commerciali, coprifuoco: tutte le regole

In vista dell’estate, delle vacanze, delle riaperture e della ripresa del turismo, in Italia torna la zona bianca, cioè quella dove le restrizioni anti-Covid sono più leggere. Una svolta che non riguarderà tutta la Penisola: le prime regioni nella quali le misure diventeranno progressivamente più attenuate saranno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, dal primo giugno, e poi Abruzzo, Veneto e Liguria, da lunedì 7 giugno.
Sulla base di quanto indicato nel decreto 14 gennaio 2021, perché una regione diventi zona bianca si devono verificare questi fattori: la zona deve trovarsi in uno scenario di tipo 1, cioè con una situazione di trasmissione localizzata e sotto controllo, con Rt regionali sopra soglia per periodi limitati e a bassa incidenza; deve esserci un rischio basso di contagio; l'incidenza di casi settimanale ogni 100mila abitanti deve essere inferiore a 50 per almeno tre settimane consecutive.

 

Coprifuoco alle 23, ma a che ora chiudono bar e ristoranti? Le nuove regole

Palestre, resta il nodo delle docce: i gestori possono vietarle. Meglio cambiarsi a casa


Ma cosa cambia nelle zone bianche? Le restrizioni sono molto limitate e si possono svolgere le diverse attività commerciali, ovviamente nel rispetto della normativa di sicurezza. Nella zona bianca non c’è più il coprifuoco, che comunque con il nuovo decreto Riaperture è stato spostato in tutto il Paese alle 23, per poi scattare a mezzanotte dal 24 maggio ed essere abolito dal 21 giugno. Anche in queste Regioni, comunque, resta obbligatorio indossare le mascherine, sia all’aperto che al chiuso, coprendo bocca e naso. E restano valide le raccomandazioni che in questo anno l’Italia ha imparato a conoscere: attenzione con gli assembramenti, è consigliato non ricevere a casa persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza, restare in casa se si hanno sintomi influenzali e contattare il medico di base. Restano anche il distanziamento interpersonale e la raccomandazione di lavare e igienizzare frequentemente le mani.

 

 


Intanto in tutto il Paese dal 22 maggio si potrà tornare a fare shopping nei week end, con l’apertura nei giorni festivi e prefestivi dei centri commerciali. Il 24 maggio riapriranno invece le palestre e i centri fitness indoor, anche con la possibilità di utilizzare gli spogliatoi, a patto di tenere i propri indumenti all’interno di una busta usa e getta. Dal primo giugno saranno ammesse le consumazioni al bancone per i bar e i ristoranti potranno riaprire anche al chiuso. Dal 15 del mese, invece, è previsto il via libera per matrimoni con banchetti e feste private. Dall’inizio di luglio ci sarà infine la riapertura di piscine al chiuso e centri termali.

 

Video

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Maggio 2021, 17:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA