In due giorni oltre 50 ragazzi positivi
da Grecia, Malta, Spagna e Croazia
di Maria Lombardi

Coronavirus, in due giorni oltre 50 ragazzi positivi di ritorno da Grecia, Malta, Spagna e Croazia

Il viaggio con gli amici, dopo la maturità o i mesi chiusi in casa. Ma per tanti il ritorno diventa un incubo: positivi al Covid. Negli ultimi due giorni oltre cinquanta (54)  ragazzi hanno scoperto di aver contratto il virus dopo la vacanza in Grecia, Croazia, Malta, Spagna.

E adesso è allarme per i viaggi a rischio dei più giovani. Cinque ragazzi salentini oggi sono risultati positivi dopo la vacanza in Grecia per la maturità. «Due sono di Muro Leccese, uno di Maglie, uno di Squinzano e un altro di Sanarica – afferma il sindaco Antonio Donno – e ora sono tutti isolamento, insieme ai loro famigliari, dopo i controlli eseguiti dall’Asl che ha ricostruito i contatti. Ma da quanto emerso dalle nostre attività, al viaggio in Grecia avrebbero partecipato non solo ragazzi pugliesi, ma anche altri provenienti da diverse regioni e ciò dovrebbe far scattare verifiche a più ampio raggio. La positività al Covid è stata scoperta solo grazie allo zelo del genitore di uno dei ragazzi che ha fatto sottoporre il figlio, a sue spese, al tampone. Dopo l’esito positivo del test è scattato il protocollo per il rintraccio degli altri componenti della comitiva e di tutte le persone con cui sono stati in contatto». 

Coronavirus, nuovi test rapidi per più controlli sugli arrivi dall'estero





 
 



Nel Lazio due ragazze di Fondi, di ritorno da Ibiza, hanno scoperto di aver contratto il virus in vacanza. E così  un 19enne di Corigliano-Rossano ( Cosenza) è tra i ragazzi risultati positivi al Covid-19 al rientro da una vacanza in Croazia. 
 
 

La vacanza a Malta

Ieri  8 giovani positivi a Roma, tornati da una vacanza a Malta. E nel siracusano 11 ragazzi di ritorno da Malta sono risultati positivi. Una storia simile è quella di alcuni ragazzi della Toscana, risultati positivi ieri. Si tratta di giovani che abitano tra a Arezzo e provincia: facevano tutti parte di una comitiva che ha trascorso le vacanze sull'isola graca di Corfù. In totale 11 ragazzi a cui si aggiunge la mamma 50enne di uno di loro. «In vacanza senza mascherine, a Corfù non ce l'aveva nessuno».
 

Sarebbe partito, poi, da un giovane dominicano di ritorno a Vercelli da Santo Domingo, che avrebbe poi diffuso l'infezione tra alcuni connazionali nel corso di una serata trascorsa in discoteca, il focolaio che negli ultimi giorni ha fatto registrare un'impennata di contagi in Piemonte. I nuovi positivi, tutti giovani e asintomatici, sono stati presi in carico dal Servizio di Igiene e Salute Pubblica dell'Asl di Vercelli.

Coronavirus, otto romani positivi al rientro da Malta: è allarme per i giovani

Covid, positivi quattro ragazzi di Arezzo e due di Macerata tornati dalla Grecia

Virus, tre romani positivi dopo la vacanza a Capri, si indaga sui loro contatti: «Ma qui nessun focolaio»


 

L'età si abbassa

In Italia si è drasticamente abbassata l'età media dei contagiati, a  38 anni negli ultimi 30 giorni. E cresce sempre di più il numero dei giovanissimi e degli adolescenti che risultano positivi al virus, nella fascia tra i 13 e i 19 anni di contano dai100 ai 200 casi un una settimana.


 
Ultimo aggiornamento: Martedì 11 Agosto 2020, 13:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA