Tutta l'Italia in rosso scuro nella mappa dell'Ecdc

Covid, Italia tutta rosso scuro nella mappa Ecdc: massimo rischio epidemiologico

La mappa dell'Italia è di nuovo rossa scuro nel report dell'Ecdc: il colore segna il massimo rischio epidemiologico per il Covid-19 nell'immagine aggiornata dall'agenzia Ue con sede a Stoccolma. Tutta l'Europa Occidentale e Meridionale è in rosso scuro, insieme alla Scandinavia, ai tre Stati Baltici e a gran parte dell'Europa Centro-Orientale. In rosso, la fascia che segnala un rischio un poco meno grave, restano solo la Romania, parte dell'Ungheria e gran parte della Polonia.

Quarta dose, Ema e virologi: ecco perché i richiami non saranno troppo frequenti

Covid, «1,2 milioni di nuovi casi in 7 giorni». Boom di vaccini nell'ultima settimana: il report di Gimbe

 

Italia tutta rosso scuro nella mappa Ecdc

Nessuna regione è gialla o verde, i colori che segnalano un rischio minore. La mappa è tuttora basata solo sul numero di casi positivi, che con la variante Omicron stanno salendo ovunque, registrati in 14 giorni ogni 100mila abitanti, e sulla percentuale dei test positivi sul totale dei test fatti.

Come si devono interpretare i colori (non sono collegati a restrizioni)

Non vuol dire che l'Italia è in zona rossa, per come siamo abituati noi a conoscere la zona rossa, cioè il regime di massimo rigore applicato a una o più regioni (o a tutto il territorio italiano come è capitato per il Natale 2020). 

L'Ecdc usa i colori rosso e rosso scuro per indicare una situazione di massimo rischio epidemiologico, non per imporre chiusure o restrizioni che spettano ai singoli governi. 

Se un paese è colorato di rosso vuol dire che in 14 giorni ha registrato un tasso cumulativo di casi Covid compreso tra 75 e 200 e un tasso di positività pari o superiore al 4%. Si usa il rosso anche se il tasso cumulativo di 14 giorni è superiore a 200 ma inferiore a 500. 
Il rosso scuro (massimo rischio epidemiologico) compare se il tasso cumulativo è pari o superiore a 500. 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 13 Gennaio 2022, 19:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA