Coronavirus, il virologo Pregliasco: «A scuola non prima di settembre»

La notizia non è ufficiale. Ma tutti, più o meno, lo sanno già. A scuola non si torna, il coronavirus è tutt'altro che sconfitto. «La soluzione migliore è quella più protettiva, cioè rimanere chiusi fino a settembre. Riaprendo ci sarebbero milioni di bimbi, genitori, docenti e addetti alle che si spostano, aprendo un rubinetto che determinerebbe un gran numero di contatti». Così a Circo Massimo su Radio Capital il virologo Fabrizio Pregliasco sulle scuole e aggiunge: «Non abbiamo un'indicazione scientifica» su quanto e come aprire questi rubinetti. Certo, dice, «bisogna far ripartire le attività strategiche. L'aspetto sociale può essere un po' ritardato. Richiudere sarebbe devastante».

Coronavirus Roma, Scuola, settembre a ostacoli. «Mancano aule e computer»

Coronavirus: bar, trasporti, scuole e jogging: così la ripartenza. Le discoteche restano chiuse

 
 


 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Aprile 2020, 11:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA