Coronavirus Italia, quanto durerà la stretta? Tra due giorni il picco, misure fino all'estate

di Mauro Evangelisti
Gli esperti della lotta al coronavirus non hanno dubbi: sarà cruciale questa settimana per comprendere se stanno funzionando le severe misure di contenimento che hanno chiuso l'Italia. Ieri lo ha ripetuto il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, ma ce lo dice il calendario.


Coronavirus, da Brescia il racconto choc di un imprenditore viterbese: «I morti qui raddoppiano ogni giorno»


L'11 marzo sono state applicate le forme di contrasto della diffusione del virus più rigorose. Il tempo massimo di incubazione è di due settimane, presto dovrebbe esaurirsi il numero di coloro che sono stati contagiati prima della chiusura dell'Italia. In sintesi: a metà settimana potremmo capire molte cose.

Coronavirus, epidemiologo Iss: «Il lockdown fa effetto, la diffusione fuori dalla Lombardia può rallentare»

Ieri c'è stato un timido segnale incoraggiante, la percentuale di nuovi casi si è abbassata. Ma ci sono troppe variabili per affermare che s'intravede la luce. E nessuno sa cosa potremo e non potremo fare anche quando i nuovi casi diminuiranno, tenendo conto che secondo una ricerca pubblicata in Cina il numero dei contagiati silenziosi, senza sintomi, è almeno un terzo del totale e questo rende complicato spezzare la trasmissione del virus. Riaprire tutto troppo in fretta potrebbe disperdere i risultati ottenuti. Il resto d'Europa è in ritardo di qualche settimana. Riaprire bar o ristoranti tra qualche mese, alle porte dell'estate, non significherà riaprirsi al mondo.
 





I sacrifici
L’isolamento
è efficace?

Oggi l’80 per cento dei casi totali del coronavirus è concentrato nel nord Italia, dall’Emilia-Romagna in su. Avere obbligato i cittadini a restare chiusi in casa ha per ora salvato il resto del Paese, che pur vedendo un aumento costante di contagiati, non si è nemmeno lontanamente avvicinata ai drammatici tassi di crescita che hanno messo in ginocchio la Lombardia e, in parte, Piemonte, Emilia-Romagna e Veneto. Restano delle incognite: la chiusura non è stata totale e rigorosa come a Wuhan e il virus continua a circolare. Ma senza il lockdown il rischio che tutta l’Italia abbia i numeri della Lombardia è concreto.

I tempi
Quanto dovrà
continuare?

Non è realistico pensare che il 3 aprile potremo tornare alla vita di prima. La diffusione del coronavirus nel nostro Paese, ma anche nelle altre nazioni europee, è tale che rende improbabile uno stop di tutti i divieti in una data così ravvicinata. Anche se si avvicinasse allo zero la curva che descrive la percentuale di nuovi contagiati (ieri era al 10,4 per cento, non è mai stata così bassa), sarebbe comunque necessario un lungo periodo di «mantenimento». Per questo nessun esperto si sbilancia sulla durata del lockdown. Più probabile, però, che si possa andare a un allentamento di queste misure. Ma non prima di maggio.

L’epidemia
Per quando è
atteso il picco?

Questa è la settimana decisiva. Mercoledì saranno trascorse due settimane dal decreto che ha spalmato su tutta l’Italia le misure di contenimento. Tenendo conto che i numeri che vediamo oggi in buona parte sono frutto dei contagi precedenti, l’inversione di tendenza dovrebbe essere vicina perché meno persone per strada, zero eventi, hanno ridotto le possibilità di trasmissione del virus, anche se di riflesso 50mila positivi ufficiali a cui si aggiungono gli asintomatici mai conteggiati rappresentano un grande moltiplicatore. Inoltre, in questi giorni dovremmo capire se la fuga dal Nord ha portato il virus anche al Sud (per ora no, per lo meno non in misura massiccia).

L’imprevisto
Perché gli effetti
così in ritardo?

Ci aspettavamo prima il picco perché forse eravamo stati troppo ottimisti sul livello di circolazione del virus, soprattutto in regioni come la Lombardia, il Piemonte e l’Emilia. Con un esercito di positivi già presente in Italia, con i primi casi che probabilmente risalgono a metà gennaio, riuscire a invertire la tendenza si sta rivelando più difficile e necessiterà più tempo. Teniamo conto che in febbraio ancora si svolgevano concerti, partite di calcio, eventi con decine di migliaia di persone. Inoltre, il Paese non ha un quadro omogeneo e probabilmente avremo picchi differenti per ogni regione.

L’emergenza
Perché il boom
in Lombardia?

La tempesta perfetta: altissima densità, popolazione anziana, grandi imprese con rapporti internazionali non solo con la Cina, ma anche con la Germania, da dove, secondo una ricerca del Campus Bio-Medico di Roma, è arrivato uno dei due pazienti zero. Tutto questo ha fatto sì che in Lombardia, lentamente, Covid-19 si diffondesse, nascosto nelle pieghe del picco influenzale. Quando a Codogno è stato trovato il primo caso, ormai era troppo tardi. Ci sono stati anche errori: non si è riusciti a proteggere gli ospedali , non si è avuta la prontezza di chiudere tutto in provincia di Bergamo, troppi casi positivi non sono stati individuati e isolati.

Le previsioni
Cosa resterà
alla fine?

«Niente sarà più come prima»: è una frase di cui spesso si è abusato, fu pronunciata dopo l’11 settembre 2001: molte cose cambiarono, altre no. Anche quando dovesse finire il lockdown, ormai mondiale, servirà tempo prima di ricostruire una normalità. Nel 2020 viaggeremo meno o forse non viaggeremo affatto, forme di comunicazione a distanza che sembravano invadenti e alienanti diventeranno cruciali per il lavoro e per i rapporti umani. Dovremo proteggere di più gli anziani, riorganizzare il sistema sanitario, progettare un nuovo equilibrio economico. Molto dipenderà da quanto tempo la scienza impiegherà per trovare cure e vaccini.

 
Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Marzo 2020, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA