Coronavirus Italia, bollettino: 63.927 casi (+3.780), 6.077 morti (+601), 7.432 guariti (+408)

Ancora in calo nuovi contagi e morti di Coronavirus in Italia. Il bollettino della protezione civile del 23 marzo 2020 confermerebbe il trend iniziato ieri, anche se è ancora presto per dirlo: i nuovi positivi sono 3.780 contro i 3.957 di ieri. In calo anche i decessi: 601, contro i 651 di ieri. Diminuisce invece il numero dei guariti nelle ultime 24 ore: sono 408; ieri erano stati 952. In tutto sono 7.432.

LEGGI ANCHE Brusaferro (Iss): «Settimana decisiva, sfida è evitare la curva di crescita al Sud»
LEGGI ANCHE Toscana, 184 nuovi casi e 18 morti: dati in lieve calo

Clicca QUI per scaricare il grafico dei dati regione per regione


«La Germania ha accolto i primi due pazienti positivi al coronavirus italiani, dovrebbe accoglierne 8 positivi in tutto: ciò evidenzia quanto sia importante la solidarietà internazionale», ha detto il commissario Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione civile. È previsto un volo stasera dall'aeroporto lombardo di Orio al Serio verso Lipsia. Oggi il il ministro-presidente Michael Kretschmer della Sassonia aveva dichiarato la disponibilità del suo Land ad ospitare pazienti italiani.

Lombardia. I dati nazionali rispecchiano in parte anche quelli lombardi. «Oggi si conferma il trend in calo, possiamo dire che è il primo giorno positivo, non è il momento per cantar vittoria ma finalmente vediamo una luce in fondo al tunnel», ha detto L'assessore al Welfare Giulio Gallera, nella diretta facebook per fare il punto sulla emergenza coronavirus in Lombardia aggiungendo che è il terzo giorno di dati in calo. «Il dato più bello» della giornata in Lombardia è il calo dei ricoveri, dato che è «il primo giorno che questo succede», ha aggiunto spiegando che le persone ricoverate oggi sono 9266, mentre ieri erano 9.439, quindi 173 in meno.

 

In tutto 24 medici morti. Sale a 24 il numero dei medici deceduti per l'epidemia di Covid-19 in Italia. L'aggiornamento è della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo). Gli ultimi decessi certificati, e riportati nella triste lista della Fnomceo, sono quelli di Rosario Lupo, medico legale di Bergamo, e di Giuseppe Fasoli, medico di famiglia in pensione nel bresciano, tornato in attività per l'emergenza coronavirus. Nella lista dei 24 nomi sono anche inclusi medici pensionati ma non più attivi.
Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Marzo 2020, 12:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA