Boom dei focolai da Covid dalle Eolie alle Dolomiti, in Trentino positivi 9 calciatori del Bari in ritiro
di Diodato Pirone

​Boom dei focolai da Covid dalle Eolie alle Dolomiti, in Trentino positivi 9 calciatori del Bari in ritiro

Continuano ad aumentare i focolai di Covid-19 nei luoghi di villegiatura, al mare come in montagna. Le Isole Eolie, rese Covid Free da una vaccinazione anticipate, sono le più colpite. L'ultimo cluster riporta di altri 14 i positivi registrati a Stromboli, tra cui quattro camerieri di un ristorante e alcuni tassisti. Molta preoccupazione anche a  Salina, dove la presenza di un positivo ha fatto scattare la quarantena per una decina di violleggianti.

A Pantelleria alcuine attività sono state chiuse a causa della scoperta del contagio di quasi 70 persone. 

Crescono i contagi nei luoghi più classici delle vacanze estive come Rimini, Riccione e Cattolica dove si registrano alcune quarantene. Nel Lazio, invece, si è registrato un focolaio a Ostia e un altro a Fregene. La fotografia della diffusione del virus è preoccupante in Salento, dove è scoppiato un cluster a Gallipoli dopo quello di Manfredonia che aveva coinvolti una quarantina di giovani turisti lombardi.

Ma il Sars CoV-2 in versione Variante Delta  colpisce pure in montagna in particolare al Sestriere dove si registrano parecchie quarantene,  in Valtournanche quattro maestri di sci spagnoli sono risultati positivi, sulle Dolomiti in particolare a Brentonico (Trento) dove un albergo è stato chiuso. Infine un focolaio ha scolto il ritiro in Trentino dei giocatori del Bari. 9 dei quali sono risultati contagiati.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Luglio 2021, 19:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA