AstraZeneca: «La nostra terza dose efficace contro la variante»

AstraZeneca: «La nostra terza dose efficace contro Omicron». Il vaccino contro la variante: in Italia via al test sui topi

Mentre la casa farmaceutica britannica "propone" la sua terza dose, dalla Takis sperimentano il vaccino specifico sulla variante

La variante Omicron fa ripiombare i paesi nell'emergenza sanitaria. A fronteggiarla ora riscende in campo la casa farmaceutica britannica AstraZeneca che afferma che una terza dose del vaccino di sua produzione contro il Covid-19 alza «significativamente» il livello di anticorpi contro Omicron. Dallo studio condotto in laboratorio, fanno sapere da AstraZeneca, «la terza dose di richiamo del vaccino ha neutralizzato la variante Omicron a livelli simili a quelli emersi per la seconda dose contro la variante Delta». 

Omicron, tempi di incubazione e sintomi brevi: ecco perché corre veloce (ma potrebbe frenare prima)

Omicron, la sperimentazione sui topi

Nel frattempo l'azienda biotech Takis ha avviato in Italia la sperimentazione sui topi del vaccino specifico contro la variante Omicron. Dopo l'annuncio della disponibilità della piattaforma, fatto il 29 novembre scorso dalla stessa azienda, la Takis comincia la fase di valutazione del vaccino Covid-eVax contro la variante Omicron nei modelli preclinici. Il vaccino verrà valutato sia da solo, sia come successiva dose o booster in animali che hanno già ricevuto altri vaccini contro il virus SarsCoV2 originale. «Grazie alla flessibilità della nostra tecnologia a Dna, abbiamo dimostrato che in pochi giorni è possibile modificare il vaccino secondo la sequenza genetica delle varianti e produrlo per la sperimentazione», rileva Luigi Aurisicchio, amministratore e direttore scientifico della Takis. Il ruolo dei vaccini e dei richiami, rileva l'azienda, è molto importante per contrastare la variante Omicron, considerando la sua maggiore capacità diffusiva e alla luce della scarsa efficacia degli anticorpi monoclonali, documentata in alcuni studi recenti.

Covid, Draghi detta la linea per le misure di Natale su terza dose, tamponi e mascherine

Il vaccino per la variazione

Il vaccino «Covid-eVax può essere uno strumento per combattere il virus SarsCoV2 e le sue varianti», osserva Aurisicchio. «Sarà importante - prosegue - caratterizzare la specificità della risposta immunitaria che si otterrà con questa versione del nostro vaccino». Omicron ha infatti accumulato una serie di mutazioni che preoccupano gli scienziati di tutto il mondo e per l'azienda italiana «Omicron è per noi un banco di prova. Il nostro obiettivo finale - conclude - è creare una filiera produttiva che parta dalla identificazione e studio della variante ma anche di qualsiasi altro patogeno per arrivare alla produzione del vaccino nel più breve tempo possibile e dotare l'Italia delle infrastrutture necessarie per farlo». 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Dicembre 2021, 10:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA