Carlo Acutis, morto a 15 anni e prossimo beato: potrebbe diventare il patrono di Internet

Carlo Acutis, morto a 15 anni e prossimo beato: potrebbe diventare il patrono di Internet

Carlo Acutis, un ragazzo milanese morto ad appena 15 anni, potrebbe diventare il prossimo patrono di Internet. Il giovane, stroncato in pochi giorni da una leucemia nel 2006 e sepolto ad Assisi, sarà infatti beatificato dal Papa proprio nella Basilica di San Francesco, il prossimo 10 ottobre.

Leggi anche > Zanardi, nuovo intervento di neurochirurgia dopo l'incidente: come sta Alex​



Cresciuto in una famiglia non praticante, Carlo Acutis già molto piccolo aveva dimostrato una propensione alla fede non comune per la sua età. Grazie ad un permesso speciale, a soli 7 anni ricevette la Prima Comunione e a quell'età già andava quotidianamente a messa e recitava il rosario. Crescendo, Carlo si era appassionato all'informatica e aveva deciso di sfruttare le sue conoscenze sia per divulgare la fede cristiana, sia per aiutare gli altri. Nella sua breve esistenza, Carlo Acutis aveva infatti realizzato diversi siti web a tema ed organizzato una mostra sui miracoli eucaristici nel mondo.

Proprio tramite i siti web da lui realizzati, Carlo Acutis si era messo in contatto con tante persone malate, di tutte le età e provenienti da ogni parte del mondo. Pregava per loro e, in un'occasione, sarebbe riuscito anche a far guarire un bambino brasiliano gravemente malato. Un vero e proprio miracolo, certificato anche da un'apposita commissione della Santa Sede, anche se l'eredità di Carlo è nelle tante persone che hanno abbracciato (o riabbracciato) la fede cristiana, ispirate dalla sua storia. Anche nei momenti più drammatici, questo ragazzo rincuorava così i genitori: «Non temete, con l'incarnazione di Gesù la morte è diventata viva e non c'è bisogno di fuggire: con la vita eterna ci aspetta qualcosa di straordinario. Sto attraversando il mio Golgota, ci saliremo tutti e troveremo la certezza del passaggio alla vita eterna».

Il processo di canonizzazione di Carlo Acutis era iniziato nel 2016, a dieci anni dalla sua morte, e nel 2018 Papa Francesco lo aveva dichiarato venerabile. Ora, con la beatificazione prevista a ottobre (dopo essere stata rinviata per l'emergenza coronavirus), questo giovane ragazzo potrebbe diventare un patrono di Internet secondo la Chiesa cattolica.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 29 Giugno 2020, 21:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA