Milan, tesoretti Kessie e Suso per finanziare il mercato
di Luca Uccello

Milan, tesoretti Kessie e Suso per finanziare il mercato

Quanti soldi avrà a disposizione il Milan per il prossimo mercato? Il fondo Elliott sembra intenzionato a investire altri 100 milioni di euro sul club ereditato forzatamente da Yonghong Li. Soldi che dovranno servire a Ralf Rangnick, e probabilmente non a Maldini e nemmeno a Massara, per costruire una squadra giovane ma capace di poter competere con da subito, quello che solo Gattuso è riuscito a fare. 
Fondi che potrebbero essere incrementati grazie al sacrificio di qualche giocatore dell’attuale rosa. Perso a zero Jack Bonaventura (più Roma che Torino) il Milan spera nel riscatto obbligatorio di Suso. Una ventina di milioni che potrebbero aumentare se falla Premier League arrivasse l’offerta giusta per Frank Kessie(tesoretta da 30 milioni). Una sua cessione, ma non l’unica (vedi Andrea Conti), potrebbe escludere quella di Donnarumma e Romagnoli. Entrambi hanno il contratto in scadenza la prossima stagione, entrambi sono nelle mani di Mino Raiola.
Nessuno dei due vuole lasciare il Milan a parametro zero. Per questo Ivan Gazidis, se non avrà, per il numero uno, la cifra richiesta (non meno di 45-50 milioni di euro) si lavorerà per il prolungamento di contratto di una stagione, massimo due, alle attuali cifre. Discorso diverso per Romagnoli. 
Il capitano non è sul mercato ma se non accetterà il prolungamento senza ingaggi da super star anche lui sarà costretto a togliersi la fascia da capitano al braccio e salutare Milano. In entrata piace Boga, la freccia del Chelsea esplosa con il Sassuolo. In entrata si lavora anche per Tanguy Kouassi, difensore non ancora 18enne di proprietà del Psg e il terzino olandese Denzel Dumfries, per il quale sono costanti i contatti con Raiola e il PSV, club proprietario del cartellino.

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Maggio 2020, 06:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA