Esplosione Bologna, ristorante Il Randagio distrutto. Il titolare: «Un copertone in fiamme ha colpito l'entrata»

L'esplosione sull'autostrada a Bologna ha portato morte e distruzione. Tra i danni, quelli riportati dal ristorante il Randagio. Il titolare ha raccontato ai microfoni di E'TV Rete7 i momenti drammatici vissuti insieme al personale del suo locale e ai clienti che a quell'ora stavano pranzando: «Un copertone in fiamme ha colpito l'entrata», ha spiegato ripercorrendo i passaggi per portare al sicuro tutti i presenti. 

Inferno a Bologna, tratto A1-A14 chuso in entrambe le direzioni. Le alternative

 Uno scenario apocalittico. E un bilancio drammatico con un morto e una ottantina di feriti tra cui alcuni in condizioni disperate, secondo quanto si apprende dai responsabili del soccorso sul posto. Due persone sono state trasportate ai centri grandi ustionati di Parma e Cesena. Fra i feriti anche undici carabinieri e due poliziotti della stradale, che stavano dirigendo il traffico dopo un precedente incidente stradale.
 
 


Un Tir, che trasportava nell'autocisterna materiale infiammabile, ha tamponato un camion che lo precedeva sul raccordo autostradale, all'altezza di Borgo Panigale, nel tratto lungo il ponte della tangenziale che è parzialmente crollato. I due mezzi sono esplosi dopo qualche minuto. E sono esplose a catena le auto di due concessionarie che si trovano fra la via Emilia e via Caduti di Amola, sotto il ponte della tangenziale.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev (courtesy E'TV Rete7)
Martedì 7 Agosto 2018, 09:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA