«Sei gay» e massacrano il figlio di 8 anni a bastonate

«Sei gay» e massacrano il figlio di 8 anni a bastonate: poi gli sparano

È rimasto immobile assieme alla compagna ad ascoltare la sentenza che li condannava: lui alla pena di morte, lei a passare il resto della vita in prigione. Entrambi imputati nell'assassinio («oltre l'animalesco», come è stato definito durante il processo) del figlio di 8 anni della donna, Gabriel Fernandez, punito perché la coppia credeva fosse gay.

Il giudice della Corte Superiore della contea di Los Angeles, George Lomeli, ha detto alla coppia che spera che i due si sveglino per il resto della loro vita nel cuore della notte e pensare alle ferite che hanno inflitto a Gabriel. «Posso solo desiderare ...  che il rimorso vi torturi», ha detto il giuidice.  E così Pearl Fernandez è stata condannata a vivere in carcere e il suo fidanzato Aguirre, alla pena capitale, 

Gabriel, è stato raccontato in aula, è stato ripetutamente picchiato, affamato, legato, rinchiuso in un armadietto. I due, poi, gli hanno sparato con una pistola e poi lo hanno fatto a pezzi. Un omicidio brutale. Il ragazzo aveva anche il cranio fratturato, le costole rotte e ustioni in tutto il corpo.

«Una condotta orrenda e disumana e a dir poco malvagia - ha detto Lomeli -. È al di là degli animali perché gli animali sanno come prendersi cura dei loro piccoli».

La madre di Gabriel, la quarantanovenne Pearl Fernandez, si è dichiarata colpevole di omicidio a febbraio, alla morte di suo figlio. Una giuria ha trovato il suo fidanzato, il 37enne Isauro Aguirre, colpevole di omicidio l'anno scorso e ha scoperto che l'uomo aveva intenzionalmente torturato il ragazzo.

Fernandez ha chiamato il 911 il 22 maggio 2013 per riferire che suo figlio non respirava. Ha detto ai deputati che rispondeva che era caduto e ha battuto la testa su un cassettone.

Ma i fratelli di Gabriel hanno testimoniato che Fernandez e Aguirre chiamavano il ragazzo gay, lo punivano se giocava con le bambole e lo costringevano a indossare i vestiti delle ragazze a scuola.

La maestra di prima elementare di Gabriel, Jennifer Garcia, ha pianto in lacrime davanti alla corte prima della condanna di giovedì, dicendo che lei pensa a lui ogni giorno e a come quel bambino voleva solo essere amato, come racconta il Daily Mail.

«Trovo conforto nel credere che ora sia in pace», ha detto Garcia. «E so che, a differenza di lui, i suoi assassini non avranno mai pace, avranno una vita di sofferenza da sopportare, e so che non sono la sola a sperare che loro provino lo stesso abuso che hanno inflitto al piccolo Gabriel».
Venerdì 8 Giugno 2018, 19:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA