Innamorati dalla nascita diventano genitori:
le loro mamme da vicine di letto a nonne

Innamorati dalla nascita diventano genitori:
le loro mamme da vicine di letto a nonne -Foto

PERUGIA - Sono stati l'uno per l'altra la prima persona conosciuta, compagni di stanza nelle prime ore della loro vita. E dopo 32 anni si ritrovano marito e moglie. In altre parole, innamorati dalla nascita.





E adesso genitori di quel bambino che fa diventare nonne quelle due madri che hanno condiviso gli attimi più importanti della loro vita. Perché il destino sa divertirsi e coinvolgere persone e avvenimenti, in situazioni che si possono definire incroci speciali.



La storia é quella di due donne perugine, Maddalena e Rossella che partoriscono nel maggio 1983 al Policlinico di Perugia: a poche ore di distanza l'uno dall'altro nascono Roberta e Matteo. A quel tempo era impensabile che il nascituro potesse essere subito consegnato alla madre per tenerlo con sé nella stessa camera e così le due mamme, che condividono la stessa stanza, si ritrovano fianco a fianco al terzo piano della clinica di Ostetricia nella sala predisposta per l'allattamento al seno.



Qualche giorno di condivisione di impegni e di emozioni e al momento delle dimissioni l'impegno di ritrovarsi. Cosa che, però, succederà solo diversi anni dopo proprio grazie a Matteo e Roberta. Che si incontrano e si innamorano. Scoprendo di essere nati il 3 e 5 maggio nello stesso ospedale: le due mamme si incontrano e scattano i ricordi, riaffiorano i particolari di quella lontana condivisione di vita in ospedale. Abbracci inevitabili, con la commozione che gioca tutte le sue carte. Dai cassetti riaffiorano foto leggermente ingiallite con Roberta e Matteo, che si sono sposati nel 2012 dopo qualche anno di fidanzamento e che da sempre ci scherzano su: «Il nostro destino era scritto, ci siamo innamorati dalla nascita».



E oggi, 32 anni dopo, è toccato a Roberta e Matteo assaporare la gioia del primo figlio, Giacomo, nato il 16 aprile con un parto naturale avvenuto nelle Stanze di Lucina con l'assistenza delle ostetriche Rosa Maria Garofoli e Rosalinda Babini. Maddalena e Rossella, le due nonne, hanno avuto ragione a pensare che il destino ha riservato loro emozioni forti, come quelle di 32 anni fa.
Giovedì 16 Aprile 2015, 20:02