Tommaso Zorzi: «I genitori di oggi sono troppo apprensivi, io i primi traumi li ho ricevuti dalla mia famiglia»

L'ex vincitore del GfVip, nelle sue Instagram stories, ha espresso la sua opinione che riguarda il metodo di educazione adottato da alcuni genitori per i figli

Tommaso Zorzi: «I genitori di oggi sono troppo apprensivi, io i primi traumi li ho ricevuti dalla mia famiglia»

di Cristina Siciliano

Educare i propri figli è un compito non semplicissimo. Oggi i bambini possiedono un cellulare anche prima dei dieci anni e una mamma e papà spesso si ritrovano a rintracciare le chiamare per sentirsi più tranquilli. E non solo. Ci sono anche alcuni genitori che non sono abituati a pronunciare molti «no». E di questo ne ha voluto discutere Tommaso Zorzi nelle sue Instagram stories. L'ex vincitore del Grande Fratello ha spiegato come i genitori di oggi siano più «apprensivi» con i loro figli.

Cecilia Rodriguez, addio al nubilato scatenato in Andalusia: Belen e il piatto “hot” a sorpresa

Le parole di Tommaso Zorzi

«Io non sono genitore e lungi da me dare giudizi su come lo fanno gli altri però noto che i genitori di oggi sono molto apprensivi - ha spiegato Tommaso Zorzi nelle sue Instagram stories -.

C'è questo trend di crescere questi bambini sotto le campane di vetro dove molti genitori si arrabbiano con i professori se questi sgridano i loro figli. Alla fine crescono in questo tipo di ambiente utopistico che la vita purtroppo non gli restituirà perché poi solo quando sei da solo fai i conti con la realtà. Io i primi traumi li ho ricevuti della mia famiglia. Mi ricordo mio nonno che diceva le cose una volta. Probabilmente la cosa giusta sta nel mezzo».

«Noi, che siamo cresciuti con genitori e nonni che te la facevano capire quando dovevano, l'abbiamo avuta anche più semplice perché quando fai i conti con la vita un paio le hai già prese - ha concluso -. Io mi ricordo che quando ricevevo una critica da un professore mia mamma mi trovava già sotto al letto adesso questi neo genitori difendono i figli davanti ai professori. La trovo una roba diseducativa».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Maggio 2024, 22:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA