Serena Grandi: «Il Grande Fratello Vip è stato terapeutico per me, lo consiglio a tutti»

L'attrice: «Mio figlio meglio di un Oscar»

Serena Grandi: «Il Grande Fratello Vip è stato terapeutico per me, lo consiglio a tutti»

Il Grande Fratello Vip è un «esperimento sociale» che ha cambiato la vita a Serena Grandi e che potrebbe fare altrettanto con la vita di chiunque accettasse di entrare nella casa. A dichiararlo è la stessa attrice che, ospite ai microfoni di “Trends&Celebrities”, trasmissione di Rtl 102.5 News andata in onda oggi pomeriggio, ha parlato a cuore aperto della propria esperienza nel reality di cinque anni fa.

Leggi anche > Giovanna Ralli a Oggi è un altro giorno in lacrime per il padre: «Sei fallito, ma l'hai fatto onestamente»

Grande Fratello Vip, Serena Grandi: «È stato terapeutico per me»

Era il 2017 quando Serena Grandi venne chiamata a far parte del programma: «Per me è stato terapeutico. George Orwell aveva capito prima di tutti che si trattava di un esperimento, mediante il quale puoi entrare, cambiare, tornare a essere te stesso. Si tratta di un’esperienza che devono fare tutti».

Serena Grandi e il rapporto con il figlio Edoardo

Dopo avere ricordato la propria partecipazione al Gf Vip, l'attrice è passata a parlare del suo nuovo libro, una raccolta di lettere «concepite in momenti belli, ma anche in periodi molto brutti», e del suo particolare rapporto con il figlio. Per propria stessa ammissione Edoardo è stato «la sua vittoria più grande», «più di un Oscar», «più di un regista»: «Sarà banale, sarà retorico, ma la mia più grande vittoria è mio figlio Edoardo. Lui è una persona veramente speciale, lui è il mio premio Oscar». Il riferimento è al figlio Edoardo Ercole, nato nel 1989 dal suo matrimonio con l'arredatore e antiquario Beppe Ercole, passato poi a nuove nozze con l'attrice Corinne Cléry dopo il divorzio.

L'artista ha infine svelato un altro progetto – «la stesura di un noir» –, a cui sta lavorando con grande interesse. E non solo perché «l'idea di stare in pigiama sul computer in casa mi affascina da morire», ma anche perché nella sua produzione cinematografica vanta, tra l'altro, molti thriller. Una sorta di ritorno alle origini.


Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Marzo 2022, 16:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA