Selvaggia Lucarelli non andrà a Belve: «Non voglio farmi intervistare da Francesca Fagnani: ecco perché»

«È una cifra che funziona per chi intervista, meno per chi viene intervistato perché non c’è ascolto, ma provocazione», ha riferito la giornalista

Selvaggia Lucarelli non andrà a Belve: «Non voglio farmi intervistare da Francesca Fagnani: ecco perché»

di Angela Casano

Selvaggia Lucarelli senza peli sulla lingua. La giornalista in un'intervista che ha rilasciato a DavideMaggio.it si è messa a nudo, rilasciando dichiarazioni inedite. Oltre a fornire più dettagli sui dissidi con Carolyn Smith, Selvaggia ha svelato di essere stata invitata nel salotto di Francesca Fagnani, per un'intervista di Belve, programma televisivo di Rai2. La conduttrice, infatti, avrebbe avuto il piacere di invitare la giornalista per un'intervista a caldo, ma Selvaggia ha ben pensato di rifiutare l'invito e a Davide Maggio ha spiegato il motivo.

«Carolyn rivuole Montesano a Ballando? Meglio che studi la storia oltre che la lingua italiana»

Ballando, Selvaggia ribatte a Carolyn Smith: «Che eleganza, una signora». Cosa è successo

Belve, tensione tra J-Ax e Francesca Fagnani. Lei lo interrompe durante l'intervista: «Mi annoia»

L'intervista

L'antipatia nei confronti della conduttrice di Rai2 è una cosa già nota da tempo: «Vuole vincere, non conoscere l’intervistatore», ha detto la Lucarelli precedentemente. Motivo per il quale, l'intervistatore ha incalzato su questo punto chiedendo cosa ne pensasse chiaramente della Fagnani: «Vuole vincere nel senso che sono interviste che illuminano più lei che l’intervistato, tutto qui».

E ancora: «Mi sono giustificata più volte per non essere andata da lei che per non aver battezzato mio figlio, non ho ben capito perché! Non ho voluto farmi intervistare anche dal bravo Cattelan e da molti altri, ma nessuno me ne chiede conto, comincio a pensare che Belve sia una specie di leva obbligatoria. Sono obiettore di coscienza!», ha riferito Selvaggia a Davide Maggio. 

Poi si insiste sulle domande scomode poste agli intervistati, e a tal proposito Selvaggia replica: «Se dai potenziali intervistati è vissuto come un atto di coraggio è un problema, perché vuol dire che l’intervista è percepita come un’imboscata». Poi lapidaria ha chiosato: «È una cifra che funziona per chi intervista, meno per chi viene intervistato perché non c’è ascolto, ma provocazione».


Ultimo aggiornamento: Domenica 27 Novembre 2022, 13:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA