Rocco Siffredi, sesso con il covid: «L'ho fatto anche da positivo. Il 2021 sarà una bomba atomica»

Video

Il covid non ferma Rocco Siffredi che ha vissuto da vicino il coronavirus (tutta la sua famiglia era positiva) ma rivela che al sesso non ha mai rinunciato, anche da positivo. “Avevo una versione femminile: la Covidda. Non si voleva staccare da me. Sono stato l’ultimo della mia famiglia a diventare negativo dopo più di 40 giorni. - racconta a Le Iene - Sembrava che qualsiasi cosa fosse andato a male, anche quella cosa là, e lì poi diventa un problema”, ironizza Rocco Siffredi. “Non ho mai smesso di fare sesso: io ero positivo, anche mia moglie lo era e quindi non abbiamo mai rinunciato al piacere”.

 

 

 

 

 

Certo, anche il sesso ne ha comunque risentito: “Ho usato qualche senso in meno lasciando molto all’immaginazione. E anche sul set sembra tutto surreale: tutti con la mascherina con disinfettanti alla mano e ragazze che si lavano in continuazione. Poi quando inizia il sesso si dimenticano del Covid. Si arriva con mille precauzioni e poi ci si fonde insieme come la natura vuole”.

 

Quindi Rocco Siffredi assicura: “Il 2021 sarà un anno di rinascita. Ora sia uomini che donne si ritrovano come in letargo, ma attenzione perché quando finisce tutta questa storia scoppia la bomba atomica del sesso. Ci saranno orge gigantesche e io dovrò organizzare party infiniti e finalmente potremo dire Vaffa virus, welcome back life!”.


Ultimo aggiornamento: Sabato 2 Gennaio 2021, 20:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA