Robbie Williams choc: «Un killer voleva uccidermi». La terribile rivelazione

Robbie Williams choc: «Un killer voleva uccidermi». La terribile rivelazione

Oggi vive in una villa a Beverly Hills, negli USA

Icona della musica pop mondiale, Robbie Williams per la prima volta ha rivelato un episodio choc della sua vita. All'apice della sua carriera è stato il bersaglio di un killer. «Mi avevano ingaggiato per uccidermi - racconta Robbie al Mirror - ma andarono via grazie ad amici. Quella è la roba invisibile che accade quando si diventa famosi».

 

Leggi anche - Gigi D'Agostino irriconoscibile, prima foto dopo l'annuncio della malattia: «Vorrei un po' di pace e forza»

 

Il cantautore e showman britannico ha iniziato la sua carriera ad inizio anni '90 come membro della band Take That prima di separarsi e proseguire per la sua strada da solista a partire dal '95. 

Robbie Williams non ha vissuto bene la sua fama, sui cui incombeva ansia e depressione: «Sono diventato famoso quando avevo 17 anni, facendo una boy band quando avevo 16 anni, la boy band è decollata. Quando avevo 21 anni me ne sono andato e poi ho avuto una carriera da solista, ho venduto 80 milioni di album, detenevo il record per il maggior numero di biglietti venduti in un giorno per un tour e bla, bla, bla…L'estrema fama ed il successo si incontrano con ansia, depressione e malattie mentali» ha raccontato la star. 
A questo, ha aggiunto che gli piacerebbe frequentare i posti normali in cui però non può andare perché correrebbe il rischio di essere ucciso. L'ansia lo ha portato a diffidare dagli sconosciuti: «Gli estranei vogliono incontrarmi ma io mi sento a disagio. Pensarci in realtà mi dà ansia. È un fattore scatenante».


Dopo aver lasciato Stoke nel Regno Unito, si è trasferito in una villa a Beverly Hills, circondata da 30 ettari di terreno. Negli USA vive una vita normale, insieme alla sua famiglia composta dalla moglie, l'attrice di origini turche Ayda Field, e i loro quattro figli. «Fondamentalmente, quello che succede è che qui vivo nell'anonimato e mi diverto davvero, poi provo a tornare nel mio paese d'origine e ricordo che lì non ho anonimato, e questo mi fa sentire ansioso e depresso» ha concluso.

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Gennaio 2022, 11:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA