Pamela Prati torna a parlare di Mark Caltagirone: «La verità uscirà, ora canto una canzone»

Mark Caltagirone, Pamela Prati rivela: «La verità uscirà, ora canto una canzone»

Pamela Prati torna a parlare di Mark Caltagirone e annuncia che la verità salirà a galla. Sembrano tempi lontanissi, ma appena un anno e mezzo fa l'opinione pubblica era alle prese con la tormentata vicenda del Prati-Gate. La showgirl sarda aveva raccontato di essere in procinto di sposarsi, salvo poi essere smentita dai fatti. In tutta Italia si sono chiesti se il presunto fidanzato esistesse e la 60enne è finita nella bufera mediatica. 

 

Leggi anche > La principessa Camilla di Borbone e il mistero del Gauguin da 50 milioni di sterline

 

Pamela Prati è tornata a parlare della sua vita privata, dopo qualche mese di silenzio, in un'intervista esclusiva al settimanale Chi, in edicola da mercoledì 18 novembre. «Quello che mi è accaduto è crudele - dice a proposito dello scandalo - sono stata vittima di un sistema che mi ha fatto male. Adesso non lavoro perché, purtroppo, ciò che mi è accaduto è stato raccontato male, ma il tempo mi darà ragione e verrà fuori la verità». 

 

Spazio anche ai progetti professionali:  «Torno con una canzone, Mariposita, dedicata a mia madre. L'ho intitolata così perché quando ero piccola mi chiamava “mariposa” (farfalla in spagnolo). Mi manca tanto e in questi momenti drammatici non faccio che pensare a lei. Io ho avuto un'infanzia difficile, mio padre ci ha abbandonati e lei è stata il mio unico punto di riferimento».

 

Sul rapporto con l'amore aggiunge: «Mi accusano che ogni tot per far parlare di me annuncio un matrimonio. Ma io quando mi innamoro penso sempre che mi sposerò e formerò una famiglia e, visto che faccio questo lavoro da 40 anni, più volte mi hanno chiesto della mia vita privata e più volte, quando ero innamorata, ho detto che avrei voluto sposarmi. Che male c’è? E poi questo è il mio punto debole e le persone se ne approfittano. Ora sono sola e così ho trascorso il lockdown. Mi ha rafforzata e mi ha dato la possibilità di “riavvicinarmi” alla mia famiglia, a mia sorella e ai miei nipoti... Ci siamo tenuti compagnia con le videochiamate, Un compagno? Mi piacerebbe, ma dovrebbe essere uomo, non maschio, leale e accettare le fragilità». 


Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Novembre 2020, 20:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA