Nina Moric "confusa" nelle sue stories: «Sono patetica e sola, perdonatemi». E i followers si preoccupano

La Moric appare confusa e parla prima della sua solitudine come di una scelta dovuta al fatto che non le piacciono le persone, ma poi, dalle sue parole, sembra esserci altro

Nina Moric "confusa" nelle sue stories: «Sono patetica e sola, perdonatemi». E i followers si preoccupano

Nina Moric appare sempre più confusa e in difficoltà sui social. La modella croata è sempre più frequente che sparisca dai social per un po' e poi torni con una serie di storie che sono a volte farneticanti e che stanno mettendo in allerta i suoi followers. La scorsa notte Nina si è mostrata in casa sua, con il suo gatto e un manichino che dice esserle stato dato da un amico, ma le sue parole sembrano essere confuse e sconnesse.

Leggi anche > Julie Elle, cosa è successo a "Disperatamente mamma": anni di bugie? La versione dell'ex Paolo Paone e l'accusa di abusi

Leggi anche > Ballando con le Stelle, telefonata di Cassini alla Lucarelli. Eleonora Daniele non ci sta: «Non sono previste sanzioni?»

La Moric esordisce dicendo: «Non esco mai; va beh esco ogni 10 giorni per comprare heets (fumo le russet). Non attribuisco questo ad agorafobia, no. Non mi piace uscire, non mi piacciono le persone. La mia solitudine non è una condanna, ma la mia scelta». Seguono poi delle storie in cui sembra confusa e continua a parlare del suo volersi isolare e del fatto che non le piacciono le persone.

Nina parla anche dei social, esprimendo la sua disapprovazione per quelli che sono i profili più seguiti che, secondo lei, sono privi di contenuti. Un flusso di parole, ormai consueto per chi la segue da tempo e che però inizia a preoccupare. Le storie della Moric si concludono con due frasi molto eloquenti: «Sono più patetica di quello che ho potuto immaginare», e la successiva: «Sono sola», come se la sua solitudine, appunto, non sia realmente voluta e le causi addirittura disagio e sofferenza. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Novembre 2022, 10:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA