Niccolò Bettarini furioso: «La giustizia italiana non esiste, è uno schifo», e attacca anche l'avvocato

di Simone Pierini
Niccolò Bettarini è furioso e si è sfogato su Instagram pubblicando una serie di stories dove dice la sua. Il figlio di Stefano e Simona Ventura ne ha per tutti, dal gip all'avvocato: «La giustizia italiana non esiste, è uno schifo»Il gip di Milano Guido Salvini, con un'ordinanza, ha deciso di scarcerare Davide Caddeo, uno dei quattro condannati, e alla pena più alta di 9 anni, per l'aggressione a coltellate del primo luglio a Niccolò Bettarini. Lo ha mandato agli arresti domiciliari con l'obbligo, però, di frequentare un centro di cura per tossicodipendenti e una comunità dove dovrà lavorare, proprio per favorire quella «riabilitazione» a cui si è mostrato già disponibile. Secondo il gip la pena deve avere una «funzione rieducativa» anche se il condannato la sta già scontando solo in fase di custodia cautelare e non è ancora arrivata una sentenza definitiva.

Niccolò Bettarini, fuori dal carcere il 30enne che lo ha accoltellato​

«Volevano uccidermi ma li perdono. Rifarei tutto, è il mio carattere»



«Complimenti, bravi a tutti - dice Bettarini durante sfogo su Instagram - Io mi ero ripromesso di non riparlare di questa cosa perché, obiettivamente non mi fa piacere. Non lo faccio per pubblicità o per apparire, str***te e perché non me ne frega nulla. Faccio questa storia perché sono inc****to e a quanto pare fare le storie su Instagram è l’unico modo per arrivare alla gente. Al di là del fatto che si commenta da solo quello che è successo - prosegue - Io sono stato zitto in tutti questi mesi, in cui ne sono successe di cose, son state dette parole. Però a me non me ne frega un c***o, dico quel che penso. E quel che penso è la giustizia italiana non esiste, è uno schifo, per chi sia figlio chi, figlio di qua, figlio di là, per tutti quanti, per tutti».

«Soprattutto volevo fare i complimenti al mio avvocato - dice ancora Bettarini - dal quale non ho saputo niente per mesi. Ho dovuto sapere tutto attraverso notizie e amici miei. Ci ha abbandonato praticamente dopo l’ultima sentenza. Vi spiego anche perché, non me ne frega un c***o. La signora Alessandra Calabrò voleva che a gennaio io andassi a parlare in un programma chiamato Porta a Porta a elogiarla del lavoro che ha fatto: bel lavoro ha fatto comunque, sì, sì - dice ironicamente - Io ho rifiutato perché mi ero promesso, dopo l’ultima sentenza, di non riparlare più di questa cosa. Io avevo detto che la giustizia era stata giusta con me, mi ritenevo fortunato, purtroppo non è più così».

Il 30enne, accusato di aver sferrato le 9 coltellate al figlio 20enne dell'ex calciatore e della conduttrice tv e che aveva ammesso in parte i fatti, era stato condannato a gennaio in abbreviato dal gup Salvini alla pena più elevata, rispetto a quelle degli altri tre imputati, anche loro arrestati per tentato omicidio e che hanno ottenuto i domiciliari nelle scorse settimane (uno, però, è tornato in carcere dopo un'evasione).

 
Mercoledì 13 Marzo 2019, 12:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA