Nadia Toffa a Verissimo: «A marzo il cancro era tornato. Ognuno deve combattere le proprie sfide»

  • 353
    share
Nadia Toffa si confessa apertamente a Verissimo, ospite di Silvia Toffanin: «Dopo l'intervento d'urgenza dello scorso dicembre, quando mi ero sentita male, a marzo quando ho saputo che era recidiva: il cancro era tornato, in quel momento ero da sola e ho pianto al telefono con un amico Lorenzo, lui è una persona molto forte che mi è stata accanto», come vi racconta Leggo.it .

Ilary Blasi a Verissimo: «Vi svelo un segreto, porto la parrucca»

Nadia Toffa rivela: «Sono stata operata di nuovo per il cancro che era tornato»



Presentando anche il suo libro Fiore d'inverno, Nadia Toffa paragona la propria esperienza a quella di un bucaneve: «È l'unico fiore che spunta d'inverno e col freddo, perché è più forte di tutti gli altri. Ne parlavo da piccola con mia mamma, lei mi spiegava che il bucaneve è più forte perché ha più voglia di vivere degli altri fiori. Il libro non parla della malattia, ma della mia vita e di come ho affrontato la malattia».
 
 

«Il Signore mi ha dato una sfida che io posso non vincere, ma devo combattere. Sempre» - ha spiegato Nadia Toffa - «Non volevo mica il cancro, sono stati mesi di dolore, in cui sono passata dal chiedermi "Perché proprio a me?" al "Perché non a me?". Ognuno vive le sue sfide, pensate ad un padre di 40 anni che perde il lavoro. Il Signore non è cattivo, non vuole vederci soffrire, ma ci mette alla prova. E se ce l'ho fatta io, può farcela chiunque».



Nadia Toffa parla molto della mamma, al suo fianco in ogni momento e soprattutto dopo i vari interventi: «Lei mi disse: "Finalmente posso darti una mano"».
Uscire e fare continuamente terapie, assaltata dai paparazzi, era l'ennesima difficoltà per Nadia Toffa, che però racconta il suo escamotage: «Mi camuffavo, con abbigliamento, parrucche, e diventavo Silvana, il mio alter-ego. Poi però ho buttato tutto, non c'è più. L'avevo fatto per gioco, ma è anche un modo per stare meglio. Pensate, ad esempio, alla clown-terapia per i bambini in ospedale. Sorridere aiuta a stare bene».

La 'Iena' Nadia Toffa ha poi scacciato tutte le critiche: «Ho le spalle larghe, le polemiche non mi toccano. In Italia c'è troppo odio sociale, pensate al cyberbullismo sui social, molto spesso contro delle ragazzine. Molti sono arrivati ad accusarmi di essermi inventata il tumore. La gente mi chiede per strada: "Sei quella del cancro?, io rispondo: "Ah, grazie, era un minuto che non ci pensavo". Non volevo mica dire che il cancro è un regalo, quello che faccio mi dà più energia di quanto non me ne tolgano la chemio e la radioterapia».



«La vita è ora, anche la mamma di un bimbo malato che mi ha scritto lo ha capito. Dobbiamo vivere l'oggi, senza la certezza del domani» - spiega ancora Nadia Toffa - «Vorrei dire alle persone che ci guardano da casa di non mollare mai perché non sono sole e che Le Iene portano bene».
Sabato 13 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-10-14 07:20:52
Grande donna ti auguro ogni bene
DALLA HOME