Meghan Markle e l'omicidio di George Floyd: «L'unica cosa sbagliata da dire è non dire nulla»

Video

Meghan Markle, duchessa di Sussex, ha tenuto un discorso molto emozionante agli studenti sul movimento Black Lives Matter e l’omicidio di George Floyd, affrontando "l'atto di razzismo insensato" a cui ha assistito e spiegando che: "L'unica cosa sbagliata da dire è non dire nulla".

Leggi anche > George Floyd era positivo al coronavirus: la conferma dall'autopsia


La duchessa, come riporta il "The Telegraph", parlando in un videomessaggio ai diplomati della sua vecchia scuola di Los Angeles, elencando i nomi degli afroamericani che sono deceduti nelle recenti sparatorie della polizia, tra cui George Floyd, la cui morte ha scatenato proteste in tutto il paese, ha promesso: "Dobbiamo ricostruire e ricostruire e ricostruire fino a quando non verrà ricostruita. Perché quando le fondamenta sono rotte, lo siamo anche noi."

La duchessa, che ora vive con il principe Harry e il loro figlio Archie a Los Angeles, ha esortato i giovani a votare e diventare "i leader che desideriamo così profondamente". La sua voce si aggiunge al coro di protesta per la morte di Mr Floyd che, come risulta dai filmati, è stato sentito dire "Non riesco a respirare" mentre veniva trattenuto da un agente di polizia.

Gli eventi dell'ultima settimana per Meghan sono stati "assolutamente devastanti": “Non ero sicura di cosa avrei potuto dirvi, volevo dire la cosa giusta, ed ero davvero nervosa per questo.  Ho capito che l'unica cosa sbagliata da dire è non dire nulla. Perché la vita di George Floyd contava e la vita di Breonna Taylor contava e la vita di Philando Castile contava e la vita di Tamir Rice contava. E così tante altre persone di cui conosciamo i nomi e di cui non conosciamo i nomi”.

La duchessa ha poi ricordato i suoi giorni di scuola: “Quando ero al secondo anno al liceo e avevo 15 anni - e come sapete  è l'anno in cui facciamo volontariato che è un prerequisito per laurearsi - il mio insegnante all'epoca, uno dei miei insegnanti, mi disse: Ricordati sempre di mettere i bisogni degli altri al di sopra delle tue stesse paure. Queste parole mi sono rimaste per tutta la vita e nell’ultima settimana ci ho pensato ancora di più".
 

Delle sue esperienze formative, ha condiviso i momenti delle rivolte di Los Angeles del 1992 - scatenate dall'assoluzione degli agenti di polizia per il pestaggio di Rodney King - dicendo che erano "innescate anche da un insensato atto di violenza": “Avevo 11 o 12 anni quando stavo per iniziare l'Immaculate Heart Middle School in autunno e sono iniziati i disordini di Los Angeles. Ricordo il coprifuoco e ricordo di essermi precipitata a casa, e in quella strada verso casa, vedevo la cenere cadere dal cielo e annusare il fumo e vedevo il fumo fluttuare fuori dagli edifici. Vedevo la gente correre fuori dagli edifici dopo averli saccheggiati. Ricordo di aver visto uomini sul retro di un furgone che tenevano solo pistole e fucili. Ricordo di essere salita a casa e di aver visto l'albero, che era sempre stato lì, completamente carbonizzato. E quei ricordi non spariscono”.
  
L'altra cosa che ricordo di quel periodo era come le persone si sono unite, e lo stiamo vedendo anche ora. Lo stiamo vedendo da uno sceriffo in Michigan o dal capo della polizia in Virginia. Stiamo vedendo persone solidali, comunità che si uniscono e si elevano. E farai parte di questo movimento. So che questa non è la laurea che hai immaginato. Questa non è la celebrazione che hai immaginato.
 Invitando la classe del 2020 a votare, la Duchessa ha dichiarato: “So che a volte le persone dicono quante volte abbiamo bisogno di ricostruire? Ma sai una cosa? Ricostruiremo e ricostruiremo e ricostruiremo fino a quando non verrà ricostruito. Perché quando le fondamenta sono rotte, anche noi lo siamo. Conducerrai con amore, condurrai con compassione, userai la tua voce. Utilizzerai la tua voce in un modo più forte di quanto tu abbia mai potuto fare perché la maggior parte di voi ha 18 anni o sta per compiere 18 anni, quindi voterà. Avrai empatia per coloro che non vedono il mondo attraverso la stessa lente”.

Concludendo congratulandosi gli studenti per la loro laurea, ha fatto sapere: "Sono così orgogliosa di chiamare ognuno di voi compagni ex-alunni e sono così ansiosa di vedere cosa farai. Sappi che sto facendo il tifo per tutto il cammino, sono orgogliosa di te e ti facciole congratulazioni per oggi. Congratulazioni, signore, e grazie in anticipo”.


Il video è stato riprodotto durante la cerimonia di laurea virtuale per la scuola privata cattolica di sole ragazze alle 20:00, ora di Los Angeles e la reale cerimonia era già stata annullata a causa della pandemia di Covid-19 e delle preoccupazioni per gli incontri pubblici.
 La Duchessa ha cambiato il suo discorso programmato per affrontare le attuali proteste di Black Lives Matter. Un portavoce del Sussex ha dichiarato che "si è sentita in dovere di rivolgersi e parlare direttamente a queste giovani donne su ciò che sta accadendo in questo paese proprio adesso attorno all'omicidio di George Floyd - nonché su ciò che sta accadendo da molti, molti anni e molte, molte generazioni a innumerevoli altri neri americani ”.
 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 4 Giugno 2020, 15:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA