Matteo Cambi, i suoi flirt con Stefania Orlando e Fernanda Lessa. «Le usavo per la popolarità»

Matteo Cambi, i suoi flirt con Stefania Orlando e Fernanda Lessa. «Le usavo per la popolarità»

Matteo Cambi, l'ex patron del noto marchio di abbigliamento "Guru" è tornato a parlare del suo passato, di quando faceva uso di sostanze stupefacenti ed era ossessionato dalla popolarità, e delle relazioni fugaci con molte donne dello spettacolo, come Stefania Orlando e Fernanda Lessa.

 

Leggi anche - Belen, la tenera foto di Luna che dorme nel lettino. Ma un dettaglio fa infuriare i fan: «Non si fa!»

 

In una lunga intervista a Libero Quotidiano, Cambi racconta come, a soli 22 anni, sia diventato uno degli imprenditori più conosciuti d'Italia. Il suo marchio ha avuto un successo quasi immediato: fatturava anche milioni di euro all'anno. La popolarità è arrivata subito, come dichiara: «Ero diventato un gigante con i piedi d'argilla smanioso di essere riconosciuto. E così per questa mia debolezza spesso iniziavo delle relazioni con persone del mondo del jet-set per andare sui giornali». Tra questi personaggi spuntano i nomi delle ex gieffine Stefania Orlando e Fernanda Lessa, ma è Cambi ad ammettere che non si è mai trattato di relazioni false. 

 

«Erano relazioni - afferma - che nascevano da un sentimento vero che però io le trasformavo per avere visibilità. Da Fernanda Lessa a Stefania Orlando erano tutte storie vere ma io le usavo, chiamando anche i fotografi, per finire sui rotocalchi dei giornali di gossip. Proprio per la popolarità che è diventata una delle mie dipendenze maggiori. Ero entrato in un vortice in cui tra cocaina e voglia di apparire non riuscivo più a gestirmi». 

 

Leggi anche - Carolina Marconi, dopo 40 ore ritrova la sua cagnolina Zora. «È il giorno più bello della mia vita» I POST

 

Ma il vero motivo della sua rovina è stata la cocaina. «Io - rivela Cambi - sono sempre stato un ipocondriaco spaventato dal perdere il controllo e non sentii nulla, né di positivo né di negativo, e così, ogni venerdì sera iniziai a fare uso di cocaina. Da quel momento la droga è diventata la mia compagna di vita. La cocaina gestiva le mie emozioni. I miei alti e i miei bassi. Mi facevo dieci pezzi al giorno e quando ero in astinenza, grattavo il muro con la bibbia».

 

Oggi, dopo una lunga riabilitazione, il carcere per i suoi reati finanziari e altri percorsi individuali, Matteo è libero da ogni dipendenza ed è rinato con sua moglie Stefania e sua figlia Melissa. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 9 Agosto 2021, 06:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA